Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Logo
Altri marchi del Gruppo
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI

Riforma condominio: i conti correnti diventano obbligatori

27/03/2013

Entrerà in vigore dal prossimo 18 giugno 2013 la norma che sancisce l’obbligatorietà da parte degli amministratori di condominio di aprire un conto corrente per la gestione delle spese comuni. Le modifiche apportate alle norme che regolano la disciplina del condominio approvate nel dicembre 2012 hanno sancito che chi gestisce le somme versate da condòmini per pagare le spese di gestione del caseggiato deve utilizzare un conto corrente sul quale transiteranno tutti i movimenti di denaro destinati al condominio appunto.

Oltre a beneficiare di maggiore trasparenza e informazione attraverso i riepiloghi delle spese sostenute che l’amministratore sarà in grado di mettere periodicamente a disposizione dei residenti, i condòmini potranno ottenere anche un vantaggio relativo agli interessi maturati che potrebbero compensare parte delle spese da pagare.

L’amministratore che si occuperà di aprire il conto corrente, il quale non deve essere intestato a suo nome ma al condominio stesso, dovrà anche fare attenzione a quale prodotto scegliere: alcuni istituti bancari, infatti, non considerano i conti correnti condominiali alla stessa stregua dei conti destinati una persona fisica, ma bensì come un conto corrente intestato ad una società. Tra le due tipologie di prodotto c’è infatti una differenza sostanziale, anzi, più di una: in primo luogo un conto corrente condominiale intestato ad una società dovrebbe pagare un’imposta di bollo annua di 100 euro contro i 34,20 euro accreditati ad un conto di una persona fisica. Inoltre per i conti correnti “aziendali” ci sarebbe l’inconveniente di pagare le commissioni sullo scoperto, il che renderebbe l’offerta non così vantaggiosa in termini economici per i condomini e quindi assolutamente da evitare.

Vai alla sezione dei conti correnti su ConfrontaConti.it e trova l'offerta migliore presente oggi sul mercato.

Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI
Conto corrente: come contenere i costipubblicato il 6 ottobre 2017
Risparmiare ma senza vincoli: il fenomeno dei conti depositopubblicato il 25 settembre 2017
Conti dormienti: cosa sono e come sbloccarlipubblicato il 19 settembre 2017
Sua maestà, il conto correntepubblicato il 17 settembre 2017
Pignoramento conti: cos’è cambiato dal primo lugliopubblicato il 11 settembre 2017
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato
 €
Durata deposito
Vincolo
Ricerca filiale
Si  
 No 
OTTIENI PREVENTIVO
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo medio
 Euro
Richiesta fido
    No 
Intensità utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito stipendio
 Sì   No 
Anno di nascita