logo confrontaconti.it

Domande frequenti

In questa sezione dedicata alle richieste più comuni dei nostri clienti che vogliono informarsi sul mondo dei conti correnti e conti deposito, trovi le risposte alle domande frequenti sui conti bancari. Come aprire un conto, qual è la differenza tra conto corrente e conto deposito e come calcolare la giacenza media del conto: trovi tutto in questa sezione di approfondimento.

Conti Deposito

  1. Cosa è un conto deposito e come funziona?

    Un conto di deposito permette di far fruttare interessi elevati sul patrimonio investito. I clienti possono scegliere tra un conto deposito libero e vincolato. I vantaggi in termini di tassi di interesse sono più elevati rispetto ai conti correnti.

  2. Come si apre un conto deposito?

    Prima di aprire un conto deposito è sempre bene leggere le condizioni del conto, in particolare il foglio informativo, e tutto quanto previsto dalla normativa sulla trasparenza bancaria e sul trattamento dei dati personali.

  3. Quali documenti si devono presentare per aprire un conto deposito?

    Per l’apertura di un conto deposito si devono presentare alla banca presso cui si apre il conto: un documento d’identità, il codice fiscale, il certificato di residenza (richiesto solo da alcune banche).

  4. Quali sono le spese che incidono sul conto deposito? Data la limitata operatività che caratterizza questo tipo di conti, molte delle spese di solito collegate al conto corrente sono nulle oppure ridotte in maniera considerevole
  5. Quali tasse si pagano su un conto deposito? Le tasse che gravano sul conto deposito sono da imputarsi alla presenza dell’imposta di bollo, calcolata in percentuale sull'importo depositato
  6. Quali servizi offre un conto deposito?

    Un conto deposito è pensato per far fruttare interessi sul capitale investito. Il titolare di questo strumento di investimento può generalmente soltanto prelevare e versare capitale. La funzionalità è limitata.

  7. Prelievo su conto deposito vincolato. Cosa succede?

    Se preleviamo denaro anticipatamente da un conto deposito vincolato, possiamo andare incontro a una serie di circostanze, a seconda di quanto stabilito nel contratto sottoscritto e delle condizioni che regolano il prodotto bancario.

Conti Correnti

  1. Cosa è un conto corrente?

    Il conto corrente viene identificato tramite il codice IBAN, che rappresenta l'indirizzo del conto. L'IBAN, composto da lettere e numeri, è necessario per il trasferimento di denaro da un conto all'altro.

  2. Quali documenti si devono presentare per aprire un conto corrente?

    Per l’apertura di un conto corrente si devono presentare alla banca scelta: fotocopia di un documento d’identità, fotocopia del codice fiscale e, solo in alcun icasi, il certificato di residenza.

  3. Quali sono le spese che incidono sul conto corrente? In generale i conti correnti prevedono dei costi fissi (canoni mensili) e dei costi variabili (da sostenere per ciascuna operazione effettuata)
  4. Cosa succede nel caso si vada in rosso sul conto corrente?

    Per andare in negativo sul proprio conto corrente è necessario guardare le condizioni messe dalla banca al momento dell'apertura del conto corrente: è importante capire se c'è la concessione o meno di un affidamento.

  5. Quali tasse si pagano su un conto corrente?

    I conti correnti intestati a persone fisiche con un saldo medio annuale inferiore ai 5.000 euro sono esentati dall'imposta di bollo. Inoltre oggi alcune banche si fanno carico del pagamento dell'imposta.

  6. Come aprire un conto corrente?

    Un conto corrente può essere aperto sia in filiale che online. Attraverso la rete è possibile confrontare le diverse offerte presenti sul mercato e ottenere maggiori informazioni e dati su costi e servizi.

Conti Bancari: Approfondimenti

  1. Cosa è un conto titoli?

    Il conto titoli è una particolare tipologia di conto di appoggio collegato a un conto corrente su cui vengono spostate le somme che il cliente della banca decide di investire, agevolandone così la gestione.

  2. Cos'è una carta ricaricabile e come funziona?

    La carta ricaricabile consente di prelevare denaro presso uno sportello bancario automatico e di effettuare pagamenti sia nei negozi che tramite internet. Viene usata maggiormente proprio per gli acquisti in rete.

  3. Calcolo ISEE: come si calcola la giacenza media sul conto corrente e sul conto deposito?

    La valutazione della consistenza patrimoniale è un indicatore ISEE fondamentale in quanto, conoscere la disponibilità in valuta o depositi, serve per fornire un riferimento assoluto della ricchezza posseduta in famiglia.

  4. Cos'è l'imposta di bollo sul conto e come si calcola?

    L'imposta di bollo è un prelievo patrimoniale sugli atti, documenti e registri imposto dallo Stato, istituito con il DPR 642 del 1972 a carico del contribuente, con la finalità di sostenere la spesa pubblica.

  5. Quali sono le differenze tra conto corrente e conto deposito?

    Il conto corrente è uno strumento di gestione del denaro mentre il conto deposito è un prodotto finanziario di risparmio. Con il primo si amministrano le spese correnti, con il secondo si ottiene un guadagno dalle giacenze eccedenti l'ordinario.