logo confrontaconti.it

Come chiudere un conto corrente postale Bancoposta?

Il conto corrente Bancoposta può essere chiuso presso qualsiasi ufficio postale in Italia. Non bisogna recarsi necessariamente presso la filiale in cui il conto postale è stato aperto. In alternativa, si può inviare il modulo di richiesta chiusura tramite raccomandata con avviso di ricevimento.

carta bancoposta
Chiusura conto BancoPosta

La chiusura del conto corrente postale BancoPosta è gratuita; ma sul conto deve essere presente la somma necessaria per l’addebito delle spese di gestione del conto, dell’imposta di bollo e di eventuali commissioni liquidate in fase di estinzione.

Poste Italiane provvede a estinguere il rapporto entro 15 giorni dal ricevimento della comunicazione di recesso. Le spese di tenuta conto vengono sospese a partire proprio dalla data di richiesta della chiusura. In caso di saldo positivo sarà cura di Poste Italiane inviare la somma rimanente tramite la modalità scelta dal titolare del conto. Chiudere un conto corrente BancoPosta equivale a estinguere tutti i servizi accessori al conto e revocare in automatico ogni altra disposizione di accredito e addebito sul suddetto conto.

Dove posso chiudere il conto BancoPosta?

Il conto corrente Bancoposta può essere chiuso presso qualsiasi ufficio postale in Italia. Non è necessario recarsi presso la sede in cui il conto postale è stato aperto. L’efficacia del recesso è però subordinata alla consegna presso l'ufficio postale di carte o assegni associati al conto. Poste Italiane non accetta, infatti, l’invio di tali materiali per missiva.

In alternativa alla consegna presso l’ufficio postale, c’è l’invio dell'apposito modulo tramite raccomandata con avviso di ricevimento a: Centro Servizi Firenze 2 - CP 5000 - 50142 FIRENZE FI o all’indirizzo dell’ufficio postale cui è intrattenuto il rapporto di conto corrente. In tal caso andrà allegata la dichiarazione di avvenuta distruzione della materialità o, in caso di di furto o smarrimento di carte e/o libretto di assegni, bisognerà inviare la denuncia sporta alle Autorità di Pubblica Sicurezza.

Qual è il modulo per richiedere la chiusura del conto corrente BancoPosta?

C’è un modulo che va compilato per la chiusura del conto corrente BancoPosta: si può scaricare direttamente dal sito di Poste Italiane.

Nella prima parte del documento vanno indicati nome e cognome del richiedente (in caso di cointestazione a firma congiunta vanno inseriti tutti gli intestatari) e il recapito telefonico obbligatorio per eventuali comunicazioni di Poste Italiane.

Va poi inserito il numero del conto corrente BancoPosta per cui si richiede la chiusura e vanno indicati i vari servizi/rapporti accessori al conto corrente, quali ad esempio:

  • assegni,
  • carta di debito,
  • carta di credito,
  • addebiti diretti per utenze o altri pagamenti periodici,
  • accredito stipendio/pensione,
  • deposito titoli,
  • portafoglio effetti,
  • piano di accumulo/rimborso programmato di Fondi Comuni di Investimento,
  • piano di risparmio,
  • Fido BancoPosta,
  • regolamento buoni postali fruttiferi dematerializzati,
  • prestiti e mutui BancoPosta,
  • addebiti periodici premi polizze,
  • Internet banking BancoPosta Online,
  • Telepass Family BancoPosta.
Trova il conto corrente più adatto a te Fai subito un preventivo

Quali documenti servono per chiudere il conto alle Poste?

Per chiudere un conto BancoPosta bisogna recarsi in ufficio postale e portare con sé:

  • La richiesta di chiusura del conto BancoPosta,
  • Un documento di identità in corso di validità.

Inoltre è necessario:

  • Consegnare la carta di debito collegata al conto,
  • Consegnare il carnet di assegni non utilizzati.

Se non si fosse in possesso di carte e di assegni, bisognerà dichiarare di averli distrutti, indicandone gli estremi. E nel caso gli assegni e le carte fossero stati smarriti o rubati, bisognerà presentare la denuncia che dovrà inoltre contenere il numero identificativo di ogni singolo assegno, nonché delle carte.

Per le richieste di chiusura conto, tramite raccomandata con avviso di ricevimento, bisognerà invece inoltrare:

  • La richiesta di chiusura conto compilata e sottoscritta in ogni parte,
  • La copia del documento di identità in corso di validità.

Sul modulo bisognerà dichiarare di aver distrutto tutte le carte di debito e/o gli assegni in dotazione non ancora utilizzati indicandone, sul modulo stesso, gli estremi o allegando la denuncia resa all’Autorità di Pubblica Sicurezza in caso di furto e smarrimento.

In caso di saldo residuo, nel modulo di richiesta chiusura conto, il richiedente potrà chiedere il rimborso della somma tramite:

  • assegno vidimato;
  • Postagiro, indicando il numero di Conto BancoPosta su cui accreditare l’importo e la relativa intestazione;
  • bonifico su conto corrente bancario/carte prepagate con IBAN.

È prevista la chiusura del conto BancoPosta per saldo negativo?

I tempi di chiusura di un conto BancoPosta scadono con il riconoscimento del saldo residuo al correntista. Nel caso in cui il conto presenti, invece, un saldo negativo, il richiedente dovrà corrispondere la somma dovuta a Poste Italiane. Se il conto non risulta ancora estinto, il reintegro del saldo negativo può essere effettuato mediante un accredito sul conto, di importo pari o maggiore al saldo negativo. Le modalità prescelte sono: versamento contanti; bonifico da altro conto bancario o da carta prepagata; postagiro da altro conto BancoPosta; girofondo da libretto di risparmio postale intestato allo stesso titolare del conto.

Se si decide, invece, di chiudere il conto e procedere successivamente al reintegro del saldo negativo, emerso in seguito ai conteggi di chiusura conto, il richiedente potrà restituire l’importo dovuto sul conto corrente n. 97219000 intestato a “Poste Italiane S.p.A.- Divisione Servizi Finanziari C/C Conto Debitori” (IBAN: IT-33-N-07601-03200-000097219000), specificando nella causale il numero di rapporto e l'intestazione del conto che si intende sanare. Le modalità prescelte sono: bonifico; bollettino; postagiro; girofondo online. Il saldo negativo non rappresenta, dunque, un elemento ostativo alla chiusura del conto.

Come chiudere un conto BancoPosta cointestato?

La procedura di chiusura di un conto corrente BancoPosta cointestato è uguale a quella finora illustrata e relativa a un conto di una singola persona fisica. L’unica differenza è che in caso di conto cointestato a firma congiunta vanno inseriti nel modulo di richiesta chiusura i dati di tutti gli intestatari. All’ufficio postale vanno presentati i rispettivi documenti e consegnate le carte di debito di ciascun intestatario.

Trova il conto corrente più adatto a te Fai subito un preventivo

Come chiudere un conto BancoPosta Impresa?

La richiesta di chiusura conto corrente BancoPosta, intestato a persone giuridiche, va comunicata per iscritto a Poste Italiane, compilando l’apposito modulo messo a disposizione da Poste Italiane e anche pubblicato sul sito www.poste.it. con una delle seguenti modalità:

  • Presso qualsiasi Ufficio Postale;
  • Tramite Raccomandata con avviso di ricevimento al Centro Servizi Firenze - CP 5000 - 50142 - Firenze - FI;
  • Via Posta Elettronica Certificata all’indirizzo PEC estinzionecontibusiness@pec.posteitaliane.it.

Oltre alla richiesta, per la chiusura del conto BancoPosta Impresa, è necessario presentare un documento di identità in corso di validità; consegnare le carte Postamat e gli assegni inutilizzati. Se non si fosse in possesso di assegni e/o carte, si dovrà dichiarare di aver distrutto gli assegni e/o le carte o presentare la denuncia alle forze dell’ordine in caso fossero stati smarriti o rubati.

Se si procede tramite raccomandata con avviso di ricevimento o mediante PEC, bisognerà invece inoltrare:

  • la richiesta di chiusura conto compilata e sottoscritta in ogni parte;
  • la copia del documento di identità in corso di validità
  • la dichiarazione di distruzione degli assegni e/o delle carte con il numero identificativo di ogni singolo assegno e/o carta.

Nel caso in cui gli assegni o le carte fossero state smarriti o rubati, bisognerà allegare la denuncia sporta alle forze dell’ordine. È escluso, infatti, l’invio di tale materialità per missiva.

Ultimo aggiornamento dicembre 2023

A cura di: Tiziana Casciaro

Come valuti questa pagina?

Valutazione media: 5 su 5 (basata su 1 voto)

Domande correlate