logo confrontaconti.it

Giacenza conto

La giacenza sui conti correnti, o nei depositi a risparmio, è rappresentata dalla consistenza della valuta che rimane depositata sul conto per un intervallo di tempo determinato. Quando la banca produce l’estratto conto, in genere trimestralmente, la valuta presente al termine del periodo rappresenta la giacenza del conto. Qualora si voglia invece attualizzare il dato sarà sufficiente verificare la consistenza del saldo sul conto, per avere istantaneamente il valore della giacenza; questo valore è impiegato per calcolare alcuni parametri legati alla dinamica di un conto corrente o di un deposito, che nel dettaglio sono:

  • Numeri creditori: il contratto di conto prevede che sulle somme che il cliente lascia sul conto, o sul deposito, maturino degli interessi. La loro entità viene calcolata moltiplicando i giorni per le singole giacenze giornaliere attive e dividendo il tutto per 100. Al risultato ottenuto viene poi applicato il tasso di interesse stabilito nelle condizioni contrattuali per quello specifico rapporto, provvedendo quindi alla liquidazione direttamente sul conto;
  • Numeri debitori: il contratto di conto corrente può prevedere la possibilità che il cliente possa accedere ad una somma concessa in affidamento o castelletto, che può utilizzare quando non dispone di una giacenza attiva, dietro applicazione degli interessi passivi previsti come costi dell’affidamento. La loro entità viene calcolata moltiplicando i giorni per le singole giacenze giornaliere passive e dividendo il tutto per 100. Al risultato ottenuto viene poi applicato il tasso di interesse stabilito nelle condizioni contrattuali, provvedendo quindi alla trattenuta a compensazione direttamente sul conto;
  • Giacenza media annua: è un valore che viene calcolato per poter elaborare il Modello ISEE. Non segue una logica di rendita o costo, ma viene elaborato con lo scopo di fornire un dato patrimoniale per poter accedere ai benefici che lo stato prevede, siano essi agevolazioni, sconti, sussidi, redditi o bonus.

Ultimo aggiornamento 19/01/2023

Termini correlati