Quali sono le spese che incidono sulla carta ricaricabile? FAQ Conti | ConfrontaConti.it
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Logo
Altri marchi del Gruppo
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI
feed rss confrontaconti

Quali sono le spese che incidono sulla carta ricaricabile?

In generale le carte ricaricabili, al pari dei conti correnti, prevedono dei costi fissi (canoni mensili) e dei costi variabili (costi da sostenere per ciascuna operazione effettuata). A differenza dei conti correnti non richiedono invece il pagamento del bollo. Tra i costi più comuni troviamo:

  • Costo di emissione carta: alcune carte prevedono dei costi per la loro emissione
  • Canone periodico o forfait: può essere su base mensile, trimestrale o semestrale. Può prevedere un certo numero di operazioni contenute nel canone o a forfait oppure un numero di operazioni illimitate.
  • Spese (commissioni) per l’esecuzione delle operazioni: queste carte possono prevedere dei costi per l’esecuzione di ciascuna operazione, per esempio spese per eseguire un bonifico on line o in filiale, spese per prelevare con il bancomat o per effettuare un pagamento POS, spese per la domiciliazione di un’utenza etc. Variano da banca a banca.
  • Spese di ricarica: la maggior parte delle carte presenti sul mercato prevede delle spese per ciascuna ricarica effettuata. In generale i costi variano a seconda che la ricarica venga fatta in filiale oppure on line.

Torna alle domande frequenti

Segnala via email Stampa
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato (Euro)
Durata del deposito (Mesi)
Vincolo
Ricerca filiale
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo Medio (Euro)
Intensità di utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito Stipendio
Anno di nascita