Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Logo
Altri marchi del Gruppo
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI

UE: tetto alle commissioni sulle carte di credito e di debito

29/07/2013

La Commissione europea ha deciso di imprimere un’accelerazione all’utilizzo dei pagamenti elettronici nei paesi dell’Unione, a partire dalle carte di debito e carta di credito, strumento quest’ultimo posseduto da circa il 40% dei titolari di un conto corrente. Il 24 luglio a Bruxelles  è stato infatti avanzato un pacchetto legislativo per imporre un tetto massimo alle commissioni per le operazioni effettuate tramite i due sistemi di pagamento: sul tavolo degli imputati è finita l’interchange fee, ovvero la commissione sulla transazione di pagamento pagata dalla banca del commerciante a quella del consumatore.

La proposta è di portare il valore massimo dell’interchange fee a 0,2% dell’importo della transazione per i pagamenti con carte di debito, e a 0,3% per l’utilizzo carte di credito. La media europea della commissione bancaria è infatti dello 0,9% ma, per alcuni istituti, la tassa può arrivare fino all’1,5% sul totale della transazione.

La Commissione europea ha quindi deciso di iniziare a regolamentare in maniera profonda il mercato dei sistemi di pagamento elettronico, il quale risulta frammentato proprio a causa della mancanza di una legislazione europea e delle diverse infrastrutture utilizzate nei singoli paesi.

Stabilendo un tetto all’interchange fee (inizialmente verrà imposto alle transazioni internazionali per poi essere applicato anche a livello nazionale), la Commissione europea ha intenzione di rilanciare l’utilizzo dei dispositivi di pagamento elettronico da parte dei commercianti, forti di un calo del costi a carico loro. La Commissione europea prevede in questo modo di far risparmiare ai commercianti qualcosa come 6 miliardi di euro all'anno.

Viene però da pensare che il tetto all’intercharge fee potrebbe portare ad un rincaro da parte delle banche dei costi di utilizzo di questi strumenti sul lato dei correntisti, con il conseguente pericolo di diminuire l’utilizzo delle carte di credito e debito da parte degli utilizzatori finali, ovvero i consumatori.

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI
Conto corrente: come contenere i costipubblicato il 6 ottobre 2017
Risparmiare ma senza vincoli: il fenomeno dei conti depositopubblicato il 25 settembre 2017
Conti dormienti: cosa sono e come sbloccarlipubblicato il 19 settembre 2017
Sua maestà, il conto correntepubblicato il 17 settembre 2017
Aziende: carte di credito e gestione del businesspubblicato il 26 agosto 2017
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato
 €
Durata deposito
Vincolo
Ricerca filiale
Si  
 No 
OTTIENI PREVENTIVO
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo medio
 Euro
Richiesta fido
    No 
Intensità utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito stipendio
 Sì   No 
Anno di nascita