Carte credito e debito: cresce l’uso ma anche il rischio di frode | ConfrontaConti.it
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Logo
Altri marchi del Gruppo
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI
feed rss confrontaconti

Carte credito e debito: cresce l’uso ma anche il rischio di frode

28/02/2014

L’utilizzo delle carte di credito e di debito aumenta in tutta Europa e, in particolar modo, a crescere è il loro utilizzo su Internet. Al rapido incremento delle transazioni on line avvenuto negli ultimi anni (secondo alcuni dati dal 2008 al 2012 nell’area euro l’aumento è stato tra +15% e +20%) corrisponde anche un innalzamento delle frodi attraverso questi strumenti.

Un recente studio condotto dalla Banca Centrale Europea conferma che nell’area SEPA (ovvero l’Area Unica dei Pagamenti Europei che comprende i paesi dell’Unione Europea più Islanda, Liechtenstein, Monaco, Norvegia e Svizzera) nel 2012 si è verificato un aumento delle frodi su carte di credito e di debito del 14,8% rispetto all’anno precedente. In sostanza nel 2012 in Europa sono state spesi attraverso carta di credito circa 3.500 miliardi di euro, dei quali 1,33 miliardi sono finiti in frode: in pratica ogni 2.635 euro spesi è stato perso 1 euro a causa di una truffa.

Secondo l’analisi compiuta dalla BCE, ad aumentare sono state soprattutto le frodi effettuate senza l’utilizzo fisico della carta (ad esempio i pagamenti on line) le quali sono passate da un 46% sul totale delle truffe effettuate nel 2008, a un più consistente 60% nel 2012. Dalla Banca Centrale Europea tengono però a precisare che l’innalzamento delle azioni fraudolenti su Internet sono in linea con la forte crescita degli acquisti on-line avvenuta negli ultimi anni. A confortare sono invece i dati relativi all’ammontare complessivo del valore della frode che è sceso del 9,3% rispetto al 2008. Rispetto al 2011, invece, sono state rilevate in calo le frodi effettuate dai punti di pagamento (POS) e dagli ATM. Sempre per rimanere in tema di buone notizie, secondo lo studio BCE l’Italia non è tra i paesi più colpiti da questo fenomeno: la maglia nera tocca infatti a Francia, Gran Bretagna e Lussemburgo che hanno un’incidenza di truffe sulle transazioni maggiore rispetto agli altri paesi dell’area SEPA.

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI
Natale 2018: boom di pagamenti con carte di creditopubblicato il 4 gennaio 2019
ConfrontaConti.it dà il benvenuto a CrediFriulipubblicato il 14 agosto 2018
Vacanze: meglio usare il bancomat o la carta di credito?pubblicato il 29 giugno 2017
Carta di credito o bancomat: cosa scegliere?pubblicato il 10 febbraio 2017
Impariamo a usare le nostre cartepubblicato il 8 dicembre 2016
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato (Euro)
Durata del deposito (Mesi)
Vincolo
Ricerca filiale
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo Medio (Euro)
Intensità di utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito Stipendio
Anno di nascita