Giù le commissioni sulle carte di credito | ConfrontaConti.it
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Logo
Altri marchi del Gruppo
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI
feed rss confrontaconti

Giù le commissioni sulle carte di credito

05/06/2014

Giù le commissioni sulle carte di creditoDopo anni di contenzioso con gli operatori, la svolta: il Parlamento Europeo ha dato il via libera alla normativa che prevede la riduzione delle commissioni interbancarie sui pagamenti con carte di credito e di debito. L’obiettivo è ridurre i costi che le banche addebitano ai rivenditori per l’elaborazione dei pagamenti elettronici.

Il nuovo testo legislativo, approvato in plenaria il 3 aprile, uniformerebbe una volta per tutte il tetto massimo delle commissioni applicabili (attualmente fissate su base nazionale): 0,3% per le transazioni con carta di credito e dello 0,2% per le carte di debito, fino ad un massimo di 7 centesimi.

Il Parlamento Europeo ha inoltre approvato la prima lettura di un ulteriore testo collegato, volto a stabilire le norme di trasparenza sulle spese: previsti rimborso delle spese non autorizzate entro 24 ore e limite massimo di 50 euro per le perdite in caso di uso fraudolento di una carta smarrita o rubata. Dal momento in cui questa direttiva entrerà in vigore, i limiti imposti dal Parlamento Europeo si applicheranno sia alle transazioni domestiche che a quelle transnazionali.

L’iniziativa ha raccolto il favore di molti, ma anche critiche da parte degli istituti di credito. I promotori dell’iniziativa del Parlamento e della Commissione ritengono che una riduzione dei costi delle banche comporterà minori costi anche per i consumatori. L’Abi non è dello stesso avviso e ritiene che ci sia il rischio, abbassando le commissioni interbancarie, di veder aumentare il costo delle carte di pagamento. Un fenomeno che si è già verificato in Spagna, Usa e Australia: dopo la riduzione delle tariffe sui pagamenti elettronici, questi Paesi sono stati costretti a fare marcia indietro a causa del lievitare dei costi per i cittadini.

In Italia il futuro è ancora incerto, anche perché è ancora alto l’uso del contante rispetto alle carte di credito. Tuttavia il leader di mercato Visa si è impegnato a ridurre sensibilmente i costi che, dalle rilevazioni sulle commissioni interbancarie medie (Mif) in 10 paesi tra cui l’Italia, erano lo scorso anno tra lo 0,5% e lo 0,7% della transazione. Ora il processo è in mano all’UE e, visto che ancora non si è raggiunto un accordo col Consiglio, l’iter di valutazione riprenderà con il nuovo Parlamento, appena eletto.

A cura di: Alessia De Falco

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI
Natale 2018: boom di pagamenti con carte di creditopubblicato il 4 gennaio 2019
ConfrontaConti.it dà il benvenuto a CrediFriulipubblicato il 14 agosto 2018
Vacanze: meglio usare il bancomat o la carta di credito?pubblicato il 29 giugno 2017
Carta di credito o bancomat: cosa scegliere?pubblicato il 10 febbraio 2017
Impariamo a usare le nostre cartepubblicato il 8 dicembre 2016
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato (Euro)
Durata del deposito (Mesi)
Vincolo
Ricerca filiale
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo Medio (Euro)
Intensità di utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito Stipendio
Anno di nascita