Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Logo
Altri marchi del Gruppo
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI

F24 telematico per imposte e contributi oltre i 1000 euro

06/10/2014

F24

Tempo di novità per l’Agenzia delle Entrate e i pagamenti dei contribuenti privati al Fisco. Decade infatti dal 1 ottobre la possibilità di utilizzare il modello cartaceo F24 per pagamenti che superino i 1.000 euro: per un importo superiore, imposte, contributi, premi ed entrate spettanti alle casse previdenziali si dovranno pagare per via telematica.

Il passaggio al pagamento telematico costituisce una importante evoluzione che consente all’Erario una notevole riduzione dei costi. Tuttavia, il metodo si rivela un problema per tutta quella fascia di contribuenti scarsamente digitalizzati: si pensi agli anziani o a tutti coloro che non dispongono di un computer. Situazione generale appesantita dal coincidente pagamento della Tasi, nel caso in cui l’ammontare della tassa sulla casa superi i mille euro dovrà infatti essere usata la nuova modalità di versamento telematico.

Il pagamento digitale può avvenire attraverso più canali. Sul sito dell’Agenzia delle Entrate (Entratel o Fisconline), iscrivendosi e richiedendo all’Agenzia dell’Erario un codice pin e una password o attraverso l’home banking, per chi dispone di un conto bancario che prevede questo servizio.

Riguardo ai modelli F24 a saldo zero, con crediti e debiti in compensazione, non potranno più essere, anche questi, presentati in Posta o in banca, ma dovranno essere consegnati esclusivamente attraverso i servizi online dell’Amministrazione finanziaria (F24web, F24online o tramite un intermediario abilitato come il professionista o il Caf).

L’Agenzia delle Entrate ha già diffuso una circolare (n. 27/E) in cui spiega come presentare online la delega di pagamento e illustra i casi in cui è ancora possibile utilizzare il modello F24 cartaceo.

L’F24 cartaceo sopravvivrà, quindi, per importi pari o inferiori ai 1000 euro e a patto che non ci siano nel modello crediti in compensazione. Ma anche nel caso di modelli precompilati dell’ente impositore (ad esempio Comuni o ordini professionali), anche se i versamenti sono superiori a 1.000 euro.

Fino al 31 dicembre, l’F24 cartaceo è ammesso anche per i versamenti rateali in corso di tributi, contributi e altre entrate, oltre che per i soggetti che hanno diritto ad agevolazioni fiscali, nella forma di crediti di imposta, utilizzabili in compensazione esclusivamente presso gli agenti della riscossione.

Nel caso di soggetti protestati o cattivi pagatori che non abbiano un conto corrente, il pagamento dovrà assolversi con un intermediario abilitato a Entratel, accollandosi l’addebito sul proprio conto, o con carta prepagata attraverso un intermediario della riscossione del credito.

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI
Decreto concorrenza e conti: cosa cambiapubblicato il 28 novembre 2017
Conti correnti: la convenienza premiapubblicato il 18 maggio 2017
Assegni scoperti: ecco le sanzioni previstepubblicato il 10 marzo 2017
Quando le banconote non contanopubblicato il 7 febbraio 2017
Carte di pagamento, più semplicità e trasparenza tra banche e clientipubblicato il 12 settembre 2016
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato
 €
Durata deposito
Vincolo
Ricerca filiale
Si  
 No 
OTTIENI PREVENTIVO
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo medio
 Euro
Richiesta fido
    No 
Intensità utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito stipendio
 Sì   No 
Anno di nascita