Depositi e prestiti in crescita. Il trend del 2015 | ConfrontaConti.it
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all' utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto “OK” il banner ne autorizzi l'uso.
Logo
Altri marchi del Gruppo
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI
feed rss confrontaconti

Depositi e prestiti in crescita. Il trend del 2015

29/12/2014

Depositi e prestiti in crescita. Il trend del 2015

La crisi porta risparmio. 44 miliardi di euro accumulati dagli italiani in un anno, +3,6% registrato a novembre rispetto allo stesso mese dello scorso anno. E andando indietro fino al 2007, si scopre che dall’inizio della crisi nel nostro Paese sono stati accantonati 196 miliardi di euro: +12,95% in sette anni.

Lo scrive l’Associazione Bancaria Italiana nel suo bollettino mensile, sottolineando come la difficile congiuntura economica e la stagnante situazione nel nostro Paese non frenano la tendenza all’accumulo, considerato utile rimedio al sentimento di precarietà e incertezza che affligge gli italiani, pur calando il tasso sui depositi (conti correnti, depositi a risparmio e certificati di deposito) praticato dalle banche, 0,77% a novembre contro lo 0,79% del mese precedente.

In generale, il documento dell’Abi rileva segnali positivi della situazione finanziaria del nostro Paese: non solo per l’aumento dei depositi in conto corrente, ma anche grazie ai finanziamenti che le banche hanno ripreso a concedere dopo circa 30 mesi di andamenti negativi. Dalla fine del 2007 ad oggi, i prestiti alle famiglie e alle imprese hanno registrato un incremento da 1.279 a 1.419 miliardi di euro, mentre i tassi sul totale dei prestiti sono calati al 3,66% rispetto al mese precedente, quando erano al 3,71%, il valore minimo dal dicembre 2010 (3,65%) e ben lontano da quel 6,18% registrato a fine 2007.

Discorso a parte merita il mercato dei finanziamenti a lungo termine, in special modo quelli ai privati: 2,9% il tasso medio sui mutui, con 30,5% di nuove erogazioni tra gennaio e ottobre. Due i principali motori della ripresa: la riduzione progressiva dei tassi mediamente offerti e la contestuale contrazione dei prezzi sul mercato immobiliare.

Riguardo al primo punto, bisogna segnalare il trend discendente degli spread con un differenziale ormai stabilmente sotto il 2%. Questo, combinato al costo del denaro ai minimi storici, consente di avere accesso a tassi che non hanno precedenti nel passato. E le previsioni per l’anno venturo confermano il calo degli spread, anche se ormai i margini sono ridotti.

“Non diamo assolutamente dei segnali di euforia ma di serenità e costruttività” - ha commentato il presidente dell'Abi, Antonio Patuelli. “C'è un clima diffuso di eccessiva mancanza di speranza e fiducia, però noi lavoriamo per invertire il trend. Il 2015 potrebbe essere migliore e auspichiamo che lo sia”.

A livello più generale, i segnali di ripresa sono piuttosto deboli e i dati forniti dal report dell’Abi lo dimostrano: 179,3 miliardi le sofferenze lorde delle banche rilevate nel mese di ottobre, 3 miliardi in più del mese precedente. 9,5% a ottobre il rapporto con gli impieghi, contro il 7,7% dell’anno precedente e il 2,8% del 2007; 6,8% per le famiglie consumatrici, più del 6,3% dell’ottobre dello scorso anno, ma soprattutto molto più alto del 2,9% registrato a fine 2007.

La persistente crisi che riguarda il mercato del lavoro e i redditi delle famiglie continuano a rappresentare i principali fattori di rischio, che influenzerannonei prossimi anni tutte le tipologie di prestiti.

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato (Euro)
Durata del deposito (Mesi)
Vincolo
Ricerca filiale
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo Medio (Euro)
Intensità di utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito Stipendio
Anno di nascita