logo confrontaconti.it

Cos’è il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi?

Il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi o FIDT è l'istituzione che ha il compito di garantire i risparmi in caso di dichiarazione di liquidazione coatta amministrativa di una banca aderente. Interviene fino ad un massimo di € 100.000 a deposito e per ogni singola banca.

mani che proteggono il capitale che cresce come un germoglio
Cos'è e come funziona il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi

Cosa copre il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi?

Il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, o FIDT, è un’istituzione che ha il compito di fornire al consumatore la garanzia per i suoi risparmi in qualsiasi forma, dai libretti al conto deposito, ai fondi comuni di investimento, fino alla giacenza media a saldo presente sul conto corrente. Il tema del risparmio è sempre stato oggetto negli anni di una attenzione particolare perché ha rappresentato uno strumento di solidità economica e patrimoniale delle famiglie, da tutelare nei confronti di speculatori e dall’ipotesi di crack finanziari delle banche, che storicamente hanno sempre gestito i patrimoni. Questa esigenza è stata codificata nel nostro Paese a partire dalla Costituzione nell’art. 47 che stabilisce il principio di incentivo e tutela del risparmio come forma di crescita della nazione, disciplinando coordinando e controllando l’esercizio del credito. In realtà il FIDT nasce come consorzio per iniziativa dei privati nel 1987, salvo poi essere reso obbligatorio in seguito alla prima direttiva europea sui sistemi di garanzia dei depositi, la 94/19/CEE e alla seconda direttiva 2014/49/UE la Deposit Guarante Scheme Directive o DGSD, ripresa infine con il Decreto legislativo n. 30 del 15 febbraio 2016. Aderiscono al FIDT tutte le banche che operano in Italia ad eccezione delle banche di credito cooperativo e le casse rurali che sono supportate dal Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo; aderiscono al Fondo Interbancario, inoltre, tutte le banche extra UE autorizzate a operare in Italia.

Come funziona il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi?

Il FITD è sottoposto al controllo della Banca d’Italia che esercita specifici poteri di vigilanza nei confronti dei sistemi di tutela dei depositi bancari; il fondo garantisce i capitali versati in seguito al provvedimento di liquidazione coatta amministrativa di una banca aderente, fino all’importo massimo di 100.000 euro per depositante e per ogni banca. In sostanza sono garantiti i depositi di denaro presenti nelle banche, sia a titolo di gestione ordinaria che di risparmio; pertanto, risultano coperti dall’operatività del fondo le somme possedute nei:

  • conti correnti,
  • depositi liberi o vincolati (conti di deposito),
  • certificati di deposito,
  • assegni circolari,
  • carte prepagate se associate a un codice IBAN.

Il limite di intervento del fondo è previsto per ogni singolo depositante e per ogni singola banca anche se appartenente allo stesso gruppo finanziario e garantisce anche gli interessi maturati dalle somme.

Trova il conto deposito che fa per te Fai subito un prenventivo

Quando è possibile avere la garanzia del Fondo?

Il presupposto affinché si possa usufruire della garanzia dei depositanti è la dichiarazione di liquidazione coatta amministrativa della banca, a seguito della quale la procedura di garanzia del Fondo prende il via. Non è necessario effettuare la richiesta, infatti, sarà cura del Fondo individuare i clienti della banca in sofferenza e procedere al ristoro delle somme depositate, ovviamente sempre nel limite dei € 100.000. La conseguenza diretta di questo fatto consiste nel fatto che le somme eccedenti il limite della garanzia non verranno rimborsate, al pari delle azioni, obbligazioni e pronti conto termine emessi dalla banca soggetta alla procedura di liquidazione. Le tempistiche per l’erogazione delle garanzie sono rapidissime essendo previste nel termine massimo di sette giorni lavorativi, che decorrono dalla data in cui si producono gli effetti del provvedimento di liquidazione coatta amministrativa della banca aderente al Fondo.

Come avviene la liquidazione dei depositi?

La procedura di liquidazione delle somme garantite prevede che il pagamento si effettui presso una banca consorziata con il Fondo, che agisce come banca tesoreria con una propria rete di filiali fisiche, dove il consumatore risarcito può riscuotere le somme secondo tre modalità:

  • bonifico bancario, ovviamente su un conto diverso da quello della banca in liquidazione;
  • assegno circolare;
  • contanti.

Di tutte queste attività il depositante, oggetto della ristorazione da parte del Fondo, viene messo a conoscenza con specifiche comunicazioni sul sito web del Fondo Interbancario Tutela Depositi, attraverso una sezione dedicata alla procedura di liquidazione della banca e al rimborso dei depositanti. Una volta che gli effetti del provvedimento di liquidazione coatta amministrativa della banca aderente al Fondo sono attivi. il Fondo provvederà a risarcire i depositanti entro la somma massima di € 100.000. Tuttavia, riguardo le tempistiche di erogazione dei fondi, si possono presentare alcune differenze:

  • immediata: è la situazione meno problematica perché, una volta accertata la consistenza del deposito e dopo avere iscritto il titolare nelle liste degli ammessi al rimborso, si procede nei successivi 7 giorni lavorativi con i modi visti sopra;
  • differita: si verifica quando il pagamento del rimborso viene sospeso; ovviamente siamo in presenza di una specifica previsione contenuta nell’art. 96-bis del TUB al secondo comma, che si applica in via principale quando:
  1. vi è incertezza sul diritto a ricevere il rimborso;
  2. il deposito è oggetto di una controversia;
  3. sul deposito non sono state effettuate operazioni nei 24 mesi precedenti la data di produzione degli effetti del provvedimento di liquidazione coatta; in questo caso il rimborso viene effettuato entro sei mesi dalla stessa data.

Ultimo aggiornamento giugno 2023

A cura di: Carlo Unali

Come valuti questa pagina?

Valutazione media: 0 su 5 (basata su 0 voti)

Domande correlate