I conti correnti piacciono anche alla Generazione Z | ConfrontaConti.it
Logo
Altri marchi del Gruppo
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI
feed rss confrontaconti

I conti correnti piacciono anche alla Generazione Z

03/02/2022
giovane donna con camicia usa smartphone

Si aprono in pochi minuti e consentono di gestire le operazioni quotidiane, effettuare versamenti e pagamenti o accreditare lo stipendio. Sono i conti online, semplici anche da gestire grazie alle app e ai sistemi di riconoscimento digitale, che attirano sempre più giovanissimi, correntisti tra i 18 e i 25 anni che se ne servono principalmente per ricevere gli accrediti di denaro.

A dare testimonianza del nuovo trend sui conti correnti è l’Osservatorio di ConfrontaConti.it, che nel secondo semestre del 2021 registra un aumento dal 6,7% all’8,7% delle richieste di conti correnti da parte dei 18-25enni.

In testa alle richieste troviamo sempre la fascia d’età dai 26 ai 40 anni, che cresce dal 36,5% al 39,3%, mentre gli over 55 perdono punti e passano dal 23,2% al 20,7% del campione rilevato nel secondo semestre.

Boom di conti online anche tra gli over 55

Quasi 7 richieste su 10 sono per un conto corrente solo online (67,5%), mentre il 28,5% richiede un conto da gestire online e all’occasione anche in filiale. Si riduce ancora la fetta di utenti che scelgono un conto tradizionale, e passa dal 4,7% al 4,0% della seconda metà del 2021.

Il conto online non piace solo ai giovani, perché la pandemia fa registrare una crescita del canale online per tutte le fasce d’età: i giovanissimi, che passano dal 67,0% al 69,7% del campione rilevato, i 26-40enni che crescono dal 65,1% al 70,6%, i 41-55enni che passano dal 63,2% al 66,3% e gli over 55 che registrano un balzo dal 59,4% al 62,5%.


Trova il conto corrente per te fai un preventivo

Crescono i piccoli importi

Dalle rilevazioni dell’Osservatorio di ConfrontaConti.it emerge anche come l’analisi del saldo medio attivo dei conti registri una crescita degli importi minori o uguali a 1.000 euro nella seconda metà del 2021, che passano dal 13,4% al 14,8%: contemporaneamente si riducono gli importi superiori ai 10.000 euro, passando dal 42,9% al 41,1%.

Il dato sul saldo medio evidenzia anche un calo dei valori, da 20.244 euro a 19.806 euro, derivante dall’accumulo di denaro conseguenza dalle chiusure forzate durante il lockdown di un anno fa. I numeri sono comunque da record, soprattutto se confrontati con i primi anni della serie storica, e i minimi raggiunti nel secondo semestre del 2012 di soli 8.988 euro.

Conti più economici con meno operazioni

La prima conseguenza dello “svecchiarsi” dei conti correnti è la crescita di richieste con operatività bassa, dal precedente 25,9% al 38,3% del secondo semestre dell’anno 2021. Ricordiamo che l’opzione operatività bassa prevede un totale di 20 operazioni l’anno tra versamenti di denaro, prelievi e pagamenti.

Perdono molti punti e passano dal 50,5% al 39,9% le richieste di conti con operatività media (totale di 60 operazioni) e dal 23,6% al 21,8% i conti con operatività alta (totale di 120 operazioni l’anno).

Più conti al Sud e al Centro

I nuovi numeri che vedono i conti correnti arrivare a un’utenza più giovane determinano anche una lieve ridistribuzione delle percentuali lungo la Penisola.

Il Nord perde qualche punto e passa dal 73,2 al 71,2% delle richieste totali, il Centro dal 14,6 al 15,3% e il Sud e le Isole dal 12,2 al 13,5% della domanda, oltre un punto percentuale in più rispetto al primo semestre.


A cura di: Paola Campanelli

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
I conti correnti piacciono anche alla Generazione ZValutazione: 5/5
(basata su 3 voti)
Segnala via email Stampa
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato (Euro)
Durata del deposito (Mesi)
Vincolo
Ricerca filiale
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo Medio (Euro)
Intensità di utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito Stipendio
Carta di Credito
Anno di nascita