logo confrontaconti.it

La nuova portabilità dei conti correnti è legge

25/03/2015
La nuova portabilità dei conti correnti è legge

Arriva dal decreto sulle banche popolari e diventa legge, numero 33/2015, la portabilità dei conti correnti in tempi record: solo dodici giorni lavorativi dalla richiesta di autorizzazione del cliente alla banca.

Non solo. Il trasferimento avverrà in maniera completamente gratuita per il cliente e riguarderà, oltre la liquidità, i titoli, le carte di credito, i bonifici ricorrenti e ogni ordine di incasso e di pagamento, così che il passaggio possa avvenire senza alcun rischio per pagamenti, bollette e scadenze. Si parte con i conti correnti più semplici, poi la normativa si estenderà anche ai conti collegati a un deposito titoli.

La nuova portabilità, invocata dai consumatori e dalle Associazioni a loro difesa, nasce prima di tutto dall’esigenza di porre fine alle vecchie pratiche necessarie per lasciare un istituto di credito, volte a scoraggiare il cliente con alti costi e lunghi tempi di gestione.

Un’indagine dell’Antitrust effettuata nella scorsa estate aveva rilevato il persistere di un comportamento reiterato delle banche nel non favorire il trasferimento dei conti. Allo stesso modo, una recente ricerca di Altroconsumo ha stabilito una media nei tempi di passaggio di oltre tre mesi di tempo.

Dal momento in cui si svincola il conto corrente, sarà la nuova banca a sbrigare tutte le pratiche necessarie per il passaggio e l’istituto di credito uscente avrà l’obbligo di passare ogni informazione e rispettare i tempi stabiliti per legge, pena sanzioni importanti per funzionari e dipendenti: da 5.160 a 64.555 euro, precisamente, con un rimborso per il cliente e il disagio subito che scatterà in maniera automatica e proporzionale ai giorni di ritardo e alla disponibilità esistente sul conto al momento della richiesta di pagamento. Un decreto del Ministero dell'economia, entro il mese di luglio, stabilirà le modalità di calcolo del risarcimento.

L’operazione di trasferimento non costerà dunque nulla al cliente della banca, ma sarà azzerata anche ogni spesa di tenuta del conto relativa alle operazioni e ai servizi in essere prima del passaggio e se qualche spesa è stata anticipata, la banca sarà obbligata a restituire quelle somme.

Con un emendamento approvato dalle Camere, le banche ottengono di disporre di un periodo di rodaggio per potersi adeguare alla nuova normativa: tre mesi di tempo, nello specifico, mentre la legge sulla nuova trasferibilità dei conti correnti troverà attuazione soltanto a giugno.

Paolo Martinello, presidente di Altroconsumo, ha commentato così la nuova legge approvata: “ci aspettiamo che da inizio aprile l’operazione sia già possibile in alcune banche. Noi avevamo chiesto alcune modifiche di maggiore chiarezza, ma nel complesso diamo un giudizio positivo”.

A cura di: Paola Campanelli

Articoli correlati