Redditi e Pil pro capite, le differenze tra Nord e Sud | ConfrontaConti.it
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all' utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto “OK” il banner ne autorizzi l'uso.
Logo
Altri marchi del Gruppo
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI
feed rss confrontaconti

Redditi e Pil pro capite, le differenze tra Nord e Sud

06/03/2015

Redditi e Pil pro capite, le differenze tra Nord e Sud

L’indagine dell’Istat "Reddito e condizioni di vita" fotografa il livello dei redditi delle famiglie, evidenziando un divario importante tra settentrione e meridione d’Italia.

La metà delle famiglie residenti ha percepito un reddito netto non superiore a 24.215 euro l’anno, pari a circa 2.017 euro al mese: dai dati registrati nel Sud e nelle Isole risulta che il 50% delle famiglie percepisce meno di 19.955 euro (circa 1.663 euro mensili). Il reddito mediano del Mezzogiorno è pari al 74% di quello del Nord, mentre per il Centro il valore aumenta fino al 96%.

Più del 50% dei redditi lordi individuali (54%) si colloca tra i 10 e i 30 mila euro: il 25,8% sotto i 10.001 euro e il 17,6% tra 30.000 e 70.000 euro; solo il 2,4% supera i 70 mila euro. Il 55,6% dei redditi lordi individuali da lavoro autonomo al netto dei contributi sociali è sotto i 15 mila euro. Il 40,3% è inferiore ai 40 mila euro, mentre il 15,3% si colloca tra i 10 e i 15 mila euro annui.

Osservando i redditi da pensione, la percentuale di quelli sotto i 15 mila euro si attesta sul 54,9%, di cui il 35% è inferiore ai 10 mila euro. Per i lavoratori dipendenti, il dato è nettamente più contenuto: il 39,1% è al di sotto dei 15 mila euro, con il 27,5% che non supera i 10 mila.

La soglia di povertà si attesta sui 9.456 euro l’anno. I valori più elevati relativi al rischio di povertà si registrano tra i residenti del Mezzogiorno (46,2%), tra i componenti delle famiglie numerose (39,8%) o con un solo percettore di reddito (46,1%).

La stessa indagine evidenzia che il costo medio del lavoro dipendente, includendo le imposte e i contributi sociali, è di 30.953 euro l'anno: di questi, il 53,3% viene percepita sotto forma di retribuzione netta, pari a un importo di 16.498 euro. La differenza tra il costo sostenuto dal datore di lavoro e la retribuzione netta del lavoratore (il cosiddetto cuneo fiscale) è pari, in media, al 46,7%. Le componenti del costo del lavoro sono mediamente più elevate al Nord: la quota di retribuzione netta a disposizione del lavoratore raggiunge il valore minimo nel Nord-ovest, con il 52,4%; nel Nord-est è pari al 53%, al Centro è del 52,9%, mentre nel Sud e nelle Isole si attesta al 55,2%.

L’Istat rende noti anche i nuovi dati di contabilità nazionale a prezzi correnti regionali e provinciali, tramite l’indagine "Conti economici e territoriali". Nel 2013 il Pil per abitante risulta pari a 33,5 mila euro nel Nord-ovest, a 31,4 mila euro nel Nord-est e a 29,4 mila euro nel Centro: nel Mezzogiorno d’Italia il livello è pari a 17,2 mila euro, con un differenziale negativo del 45,8% rispetto al Centro-nord. A livello regionale, risulta in testa la Valle d'Aosta con 36,8 mila euro, seguita dalla Lombardia a 36,3 mila euro; ultimo posto della graduatoria per la Calabria con 15,5 mila euro e un valore più basso del 57% rispetto alla seconda. 

La spesa per consumi finali delle famiglie, a prezzi correnti, è stata pari nel 2013 a 18,3 mila euro per abitante nel Centro-nord e a 12,5 mila euro nel Mezzogiorno: la media sul territorio nazionale è del 16,3%. Rispetto ai valori registrati per il Pil il differenziale negativo è minore, pari al 31,7%.

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato (Euro)
Durata del deposito (Mesi)
Vincolo
Ricerca filiale
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo Medio (Euro)
Intensità di utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito Stipendio
Anno di nascita