Parte il controllo sui conti correnti. Ecco i più convenienti del mercato | ConfrontaConti.it
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all' utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto “OK” il banner ne autorizzi l'uso.
Logo
Altri marchi del Gruppo
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI
feed rss confrontaconti

Parte il controllo sui conti correnti. Ecco i più convenienti del mercato

08/04/2016

Parte il controllo sui conti correnti. Ecco i più convenienti del mercato

È partito il 31 marzo l’obbligo per banche e istituti finanziari di attivare un flusso di informazioni verso i database dell’amministrazione finanziaria: 500 milioni di dati sensibili sui conti correnti e ogni altro tipo di rapporto finanziario in essere dei contribuenti italiani.

Saldo contabile a fine 2014, saldo a fine 2015, totale degli accrediti e addebiti sul conto, giacenza media annua, ma anche il numero di accessi alle cassette di sicurezza, le ricariche sulle carte prepagate e gli acquisti di titoli effettuati nell'ultimo anno: sono queste le informazioni che istituti di credito e Poste italiane dovranno fornire al fisco sugli oltre 39 milioni di conti correnti, mentre per i prodotti finanziari le imprese di assicurazione saranno tenute a indicare l'importo totale degli incrementi della polizza e dei riscatti effettuati nell'anno.

In questo nuovo clima di rigore, unito al timore della crisi e alla paura di nuove tasse, i conti correnti continuano a essere uno dei posti considerati più sicuri dagli italiani dove parcheggiare i soldi. Avevamo già scritto qualche settimana fa come i conti correnti visti siano percepiti come rifugio dei risparmi; infatti secondo i dati Unimpresa, le nostre riserve sono aumentate nello scorso anno di quasi 70 miliardi di euro, passando da 808,9 a 877,01 miliardi.

L’analisi del saldo attivo dei conti correnti degli italiani che arriva dall’Osservatorio di ConfrontaConti testimonia questa tendenza e rileva per questi primi mesi dell’anno il 33% dei conti con un importo superiore ai 10.000 euro, contro il 31,3% dell’ultimo semestre del 2015.

Stesso dicasi per le richieste con saldo medio compreso tra 5.000 e 10.000 euro, che riguardano adesso il 17,4% dei conti contro il 17% dei sei mesi precedenti. Per contro, si riducono le giacenze medie sotto i 1.000 euro, che segnano il 15,5% contro il 17% dello scorso semestre e le giacenze fra i 1.000 e 3.000 euro, con il 17,6% rilevato contro il 18,5% dei sei mesi prima.

Altro riscontro della propensione degli italiani ai conti correnti è rintracciabile nei dati sull’analisi per media saldo. È di 15.604 euro quella relativa al 2016 finora rilevata, cifra evidentemente superiore ai 14.368 degli ultimi sei mesi del 2015 e nemmeno paragonabile agli 8.988 euro rilevati nel secondo semestre del 2012, quando gli italiani avevano altri strumenti più redditizi dove depositare i propri risparmi.

Si alza, proporzionalmente, il saldo attivo per età del richiedente. È pari a 23.167 per gli over 55, contro i 22.062 precedenti ed è in aumento anche per tutte le fasce d’età: 17.168 euro per i titolari tra i 41 e i 55 anni, 11.908 tra i 26 e i 40 anni, 6.443 dai 18 ai 25 anni.

La maggior parte delle richieste continua a provenire dal nord Italia, con il 71.6% sul totale della domanda. Recupera il Centro con il 14,4% contro il 14,2% dello scorso semestre e si riduce la richiesta proveniente dal Sud e dalle Isole con il 14% rispetto al 15,4% del periodo prima.

Ancora grazie a ConfrontaConti, scopriamo i conti correnti più convenienti della rete all' 8 di aprile: la simulazione è per un utente di 31 anni con saldo medio attivo di 5.000 euro, canale di utilizzo online, frequenza di utilizzo media, accredito di stipendio o pensione.

Miglior conto lo offre BancadinAmica, a costo zero e interessi netti di 37 euro. Il tasso a regime è dell’1% lordo e i prelievi bancomat sono gratuiti in tutta Europa.

In filiale vince invece Banco Popolare con Let’s Bank Studiare 18-29, interessi netti di 0,37 euro e 9 euro di costi totali. Il tasso a regime è dello 0,01% lordo. Il conto prevede operazioni illimitate, bonifici Italia ed Europa gratuiti e in regalo buoni elettronici del valore di 10 euro per acquisti Amazon, Decathlon, Q8, iTunes. La simulazione è stata fatta per un utente di 31 anni con saldo medio attivo di 5.000 euro, canale di utilizzo filiale, frequenza di utilizzo media, accredito di stipendio o pensione.

E' possibile personalizzare la richiesta di conto corrente utilizzando lo strumento offerto da ConfrontaConti.it: un prezioso comparatore che permette di confrontare le offerte dei principali operatori del mercato.

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI
I migliori conti correnti per giovanipubblicato il 20 novembre 2020
La pandemia libera i conti depositopubblicato il 30 ottobre 2020
Conti correnti: adesso sotto la lente anche di Regioni e Comunipubblicato il 23 ottobre 2020
I migliori conti correnti under 30 di ottobrepubblicato il 22 ottobre 2020
I conti deposito, l’investimento alternativo che rende di piùpubblicato il 15 ottobre 2020
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato (Euro)
Durata del deposito (Mesi)
Vincolo
Ricerca filiale
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo Medio (Euro)
Intensità di utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito Stipendio
Anno di nascita