Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Logo
Altri marchi del Gruppo
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI

Fondo interbancario a tutela di conto correnti e conti trading

03/12/2016

Nell' ultimo articolo ci siamo occupati di conti correnti e degli aumenti di depositi negli stessi.

Oggi ci chiediamo: il fondo di garanzia interbancario vale anche per il conto trading? Sono in molti a chiederselo, anche perché questo fondo, che sulla base della direttiva europea 2014/49 copre fino a 100.000 euro, è stato pensato principalmente per i conti correnti bancari. 

Cos'è e come funziona il Fondo interbancario di tutela dei depositi (Fitd)? Il Fondo interbancario di tutela dei depositi è stato costituito nel 1987 ma solo nel 2011 è diventato un consorzio obbligatorio riconosciuto dalla Banca d'Italia. A tale fondo contabile devono aderire tutte le banche italiane aventi come forma societaria la società per azioni. 

Il fondo copre depositi nominativi quali conto corrente, depositi vincolati, certificato di deposito nominativi, libretti di risparmio nominativi e assegni circolari) mentre nessuna tutela è prevista per i depositi al portatore (certificati di deposito al portatore o libretti di risparmio al portatore). 

Il fondo garantisce una copertura massima fino a 100.000 euro per depositante e per banca: quindi, se il depositante ha due conti da 100.000 euro ciascuno in due banche diverse è coperto per entrambi i conti correnti, e anche se ha un conto cointestato da 200.000 euro (ogni depositante avrà 100.000 euro garantiti), mentre avrà la copertura a solo 100.000 in caso di due conti sulla stessa banca con importo totale superiore. La garanzia è applicata sia in caso di depositante persona fisica che persona giuridica (cioè un'impresa).

Il fondo interviene per: 

- assicurare la liquidità a tutti i depositanti che ne facciano richiesta, per garantire il loro diritto alla piena disponibilità dei depositi,

- evitare che, facendo fronte alle richieste di prelievo con le sole proprie fonti finanziarie, scenda troppo il patrimonio di vigilanza di una banca (che diventi sottocapitalizzata rispetto ai propri impieghi),

- evitare la chiusura degli sportelli, salvaguardando la continuità operativa della banca e i suoi livelli occupazionali

- nell'interesse dell'intero sistema nel suo complesso, per contenere e prevenire fenomeni di massa non razionali e non giustificati, che facilmente possono estendersi anche ad altri istituti di credito, legati alla paura di perdere i propri risparmi, con un eccesso di richieste di prelievo che porrebbe in difficoltà anche un istituto di credito perfettamente "sano" sotto tutti gli aspetti: economico, finanziario e patrimoniale.

Il Fondo copre anche i titolari dei conti titoli?

Sì perché i conti trading sono prodotti composti che solitamente si appoggiano a conti correnti già esistenti. Non vengono invece garantiti dal Fitd investimenti quali titoli di Stato, obbligazioni, pronti contro termine, azioni. Se però la banca dovesse incappare in un eventuale stato d'insolvenza, i detentori degli investimenti depositati non corrono alcun pericolo in quanto tutto ciò non fa parte dell'attivo della banca e vengono dunque restituiti al proprietario che non incorre in alcuna procedura fallimentare a meno di non possedere titoli emessi direttamente dalla banca in liquidazione coatta.

Come si ottiene il rimborso?

Esiste una procedura automatica che permette in tempi brevi il rimborso delle somme al risparmiatore. Secondo il decreto legislativo n. 49 del 24 marzo 2011 il rimborso è effettuato entro 20 giorni (prorogabile eccezionalmente di altri 10 giorni) dalla data in cui si producono gli effetti del provvedimento di liquidazione coatta della banca e sarà lo stesso Fitd a contattare e rimborsare ogni avente diritto. Tutto ciò che non rientra nella copertura del Fitd sarà invece oggetto di riclassificazioni di bilancio che determineranno poi le priorità di rimborso a cui verranno destinate le risorse della banca. 

Vi ricordiamo che i conti correnti più convenienti sono solo su ConfrontaConti.it: in pochi secondi potete trovare il migliore strumento per gestire il vostro denaro, alle condizioni più vantaggiose!

A cura di: Cristina Fortarezzo

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI
Cos'è e come evitare il pignoramento del conto correntepubblicato il 15 novembre 2017
Come investire in un conto deposito senza rischipubblicato il 6 novembre 2017
Conto corrente: come contenere i costipubblicato il 6 ottobre 2017
Conti dormienti: cosa sono e come sbloccarlipubblicato il 19 settembre 2017
Sua maestà, il conto correntepubblicato il 17 settembre 2017
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato
 €
Durata deposito
Vincolo
Ricerca filiale
Si  
 No 
OTTIENI PREVENTIVO
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo medio
 Euro
Richiesta fido
    No 
Intensità utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito stipendio
 Sì   No 
Anno di nascita