I 3 migliori conti correnti per pensionati | ConfrontaConti.it
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all' utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto “OK” il banner ne autorizzi l'uso.
Logo
Altri marchi del Gruppo
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI
feed rss confrontaconti

I 3 migliori conti correnti per pensionati

14/02/2020

I 3 migliori conti correnti per pensionati

Sono tanti i pensionati che possiedono un conto corrente per gestire l’accredito della pensione e per eventuali entrate ed uscite. Negli ultimi anni non sono pochi, inoltre, gli anziani che hanno iniziato ad avvicinarsi anche ad internet e alle nuove tecnologie. Molti dei conti correnti prevedono infatti la gestione online e non solo un utilizzo mediante filiali e sportelli.

Con ConfrontaConti.it è possibile confrontare i vari prodotti presenti sul mercato e scegliere tra i migliori conti correnti del giorno.

Supponiamo (data di rilevazione 14 febbraio) che a far richiesta di un conto corrente sia un 70enne con un saldo medio di 3.000 euro che scelga un’operatività media (60 operazioni annue) e che presenti l’online come unico canale di utilizzo.

Quali sono i migliori conti correnti per pensionati?

  • Conto Webank
  • Conto Illimity Bank
  • Conto Quick della Banca Popolare di Bari

Le soluzioni più vantaggiose

In prima posizione si piazza il conto di Webank con un ricavo netto pari a 0,74 euro su 12 mesi e un tasso a regime dello 0,10% lordo. Non sono previsti costi per il canone, né per le carte.

Conto Webank è il conto corrente online che ti offre anche un deposito di risparmio libero e linee vincolate di diversa durata, il tutto associato ad un tasso di interesse. È possibile scegliere la soluzione più adatta alle rispettive esigenze: il denaro rimane disponibile e i trasferimenti da e verso il conto corrente sono immediati e a zero spese. L’imposta di bollo è pari a 34,20 euro l’anno.
L'imposta non è dovuta quando il valore medio di giacenza annuo non è superiore a 5.000 euro.

La capitalizzazione interessi è trimestrale. Se il saldo del conto è a debito per valuta in mancanza o oltre il fido, la banca addebita al cliente i costi di gestione e controllo dello scoperto. Con il conto Webank non sono previste spese per l’accredito di stipendio o pensione, né per i bonifici ricevuti. Anche i bonifici online sono gratuiti mentre nelle filiali del Gruppo Banco Bpm Spa hanno un costo di tre euro.

Un altro conto corrente vantaggioso per pensionati è il conto di Illimity bank, che consente di prelevare in tutto il mondo gratuitamente. Anche la carta di credito, così come la carta di debito, è gratuita; inoltre i bonifici istantanei sono illimitati.

Il conto Illimity è un conto a zero spese per i primi 12 mesi. Dal secondo anno, per continuare ad usufruire della promozione, devono essere rispettate mensilmente due delle seguenti condizioni:

  • Accredito dello stipendio/pensione o bonifico ricorrente
  • Transato minimo di 300 euro con carta di debito e/o credito
  • Domiciliazione sul conto di due mandati

Diversamente il canone mensile sarà 8,50 euro al mese. L’imposta di bollo ha un costo di 34,20 euro l’anno. L'imposta non è dovuta quando il valore medio di giacenza annuo non è superiore a 5.000 euro.

Un’altra soluzione ideale per i pensionati è il Conto Quick della Banca popolare di Bari che permette di prelevare in modo illimitato e gratuito in area Euro. Inoltre, la carta di credito è gratuita il primo anno.

Il conto Quick è un conto corrente che puoi attivare direttamente online grazie alla firma digitale e riconoscimento via webcam e che ti consente, inoltre, di vincolare somme di denaro a tassi interessanti con il Time Deposit Web.

Il canone annuo è gratuito il primo anno, mentre a partire dal secondo anno ha un costo di 36 euro azzerabile con accredito stipendio o domiciliazione utente o sottoscrizione della carta di credito.
L’imposta di bollo ha un costo di 34,20 euro, ma non è dovuta quando il valore medio di giacenza annuo non è superiore a 5.000 euro. Il fido non è previsto e la capitalizzazione interessi è trimestrale.

A cura di: Tiziana Casciaro

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato (Euro)
Durata del deposito (Mesi)
Vincolo
Ricerca filiale
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo Medio (Euro)
Intensità di utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito Stipendio
Anno di nascita