Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Logo
Altri marchi del Gruppo
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI

Stangata conti correnti: come risparmiare?

09/02/2018

Dopo sacchetti biodegradabili, luce, gas e autostrade, ecco l’ultimo aumento che rende questo gennaio particolarmente salato per le tasche degli italiani. Sono previsti rincari, anche cospicui, dei conti correnti, giustificati dai principali istituti di credito con il costo negativo del denaro e gli interventi della Bce.

Secondo i dati rilasciati da La Stampa, in una situazione di scarsi rendimenti dei conti, nell’ultimo anno ad aggravare la situazione sono intervenuti gli aumenti dei costi per i servizi bancari: in media del 20%, se si prende in considerazione un campione rappresentato dai principali 10 operatori del credito, con punte che però superano anche il 40%.

Isc: l’indicatore per valutare la convenienza di un conto

E’ difficile, se non si è esperti del settore, riuscire a capire tutte le variabili in gioco nella determinazione delle principali voci di costo di un conto corrente. Ad aiutarci troviamo un acronimo, Isc, che sta per Indicatore sintetico di costo. Come spieghiamo nella nostra "Faq dedicata", si tratta di un indicatore finalizzato a indicare il costo complessivo di un conto corrente e che deve obbligatoriamente essere comunicato dalla banca prima dell’apertura del conto.

L’Isc è stato introdotto da Bankitalia per migliorare la trasparenza delle comunicazioni ai consumatori. Si trova all’interno del foglio informativo: per calcolarlo, si sommano i costi annuali, fissi e variabili, del conto corrente, modellati su sei profili tipo di utilizzo (giovani, famiglie con bassa, media ed elevata operatività, pensionati con bassa e media operatività).

In questo modo è possibile confrontare in modo immediato i costi dei diversi conti correnti offerti dalle banche. Essendo un costo indicativo, in quanto calcolato su profili tipo di utilizzo, l’Isc può differire dal costo effettivamente sostenuto a fine anno, basato sull’utilizzo effettivo del servizio. E’ però un modo per avere una panoramica globale delle caratteristiche del conto e delle principali spese.

Conti correnti come risparmiare?

L’ipotesi di rincari non ci deve spaventare: tra le soluzioni proposte da ConfrontaConti.it troviamo i conti online, che spesso permettono di abbassare notevolmente o addirittura ridurre a zero i costi di gestione. Sono conti appositamente pensati per venire incontro alle necessità di risparmio dei consumatori, senza canone e senza spese fisse.

Tra le peculiarità dei conti correnti online abbiamo la possibilità di effettuare le consuete operazioni bancarie, come prelievi e versamenti, in modo gratuito, contenendo le spese di apertura e chiusura. Anche se le remunerazione è ridotta, uno dei vantaggi è spesso è prevista l'esenzione dal pagamento dell'imposta di bollo.

Questi prodotti riducono notevolmente i costi di attivazione e gestione di un conto corrente e sul mercato sono ormai moltissime le banche che li inseriscono tra i propri piani. Un elemento comune ai pacchetti a zero spese offerti dalle banche è la possibilità di effettuare operazioni online in maniera totalmente gratuita (per questo motivo nascono come conti "a zero spese"), mentre fino a poco tempo fa la maggior parte dei movimenti bancari comportava l'addebito di una commissione.

Per avere una sintesi dei principali vantaggi di un conto online e le differenze tra conto corrente e conto deposito, avevamo preparato l’approfondimento "Conti deposito e conti correnti: vantaggi e funzionalità a confronto".

Le offerte più convenienti di fine gennaio

ConfrontaConti.it offre la possibilità di fare simulazioni gratuite ed individuare le offerte più adatte alle vostre esigenze. Facciamo qualche esempio al 31 gennaio: se decidiamo di attivare un conto corrente con una giacenza media di 3.000 euro e bassa operatività, effettuata solo online, troviamo tra i prodotti più interessanti il conto di BancaDinamica, con ricavi netti annui di 22,20 euro, zero canone e zero spese di bollo. Il conto ha un tasso a regime lordo dell'1% e consente di effettuare Prelievi Bancomat/VPay gratuiti in tutta Europa.

A cura di: Alessia De Falco

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
Stangata conti correnti: come risparmiare?Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
Segnala via email Stampa
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato
 €
Durata deposito
 Mesi
Vincolo
Ricerca filiale
Si  
 No 
OTTIENI PREVENTIVO
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo medio
 Euro
Intensità utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito stipendio
 Sì   No 
Anno di nascita