Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Logo
Altri marchi del Gruppo
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI

Pagamenti: il digitale piace ma fa ancora paura

04/04/2019

Pagamenti: il digitale piace ma fa ancora paura

Italiani sempre più curiosi del digitale, ma poco fiduciosi nella sicurezza dei sistemi di pagamento. È il quadro generale che emerge da un’indagine condotta da Friendz, la società di digital marketing che ha creato un sistema per monetizzare i post condivisi con gli amici e dare allo stesso tempo visibilità ai brand.

Dalla ricerca “Banche e sicurezza, tra mondo reale e digitale” effettuata all’interno della community di 6000 utenti, emerge infatti che il metodo di pagamento preferito dagli italiani è ancora oggi il contante: lo userebbe ancora l’83% del campione intervistato, seguito dal Bancomat (42,6%), dalla carta di credito (utilizzata come principale metodo di pagamento solo dal 20,2%), quindi le carte ricaricabili (19,3%) e infine le app di mobile payment (3,7%). Riguardo a quest’ultimo dato, fa specie sapere che quasi il 30% del campione ha sul proprio smartphone una app di pagamento, ma solo una piccolissima percentuale la usa veramente.

Il 22% avrebbe affermato che le app di pagamento “sono comode ma non mi fido troppo, cerco di usarle il meno possibile”, mentre il 18,6% dichiara la resistenza all’utilizzo a causa dei costi alti. Altra evidenza che emerge è che quasi la metà di chi fa uso di una app di trasferimento del denaro ne apprezza la praticità e la velocità, i due driver che dovrebbero essere il motivo fondamentale del passaggio al digitale.

L’internet banking, meno popolare di quanto si pensi

Chi lo usa ormai non potrebbe più farne a meno, perché consente di effettuare ogni tipo di movimento in qualsiasi luogo e a qualsiasi ora, senza doversi recare in banca o allo sportello ATM. Eppure l’internet banking fatica a imporsi come metodo di pagamento e gestione del conto: solo il 47,3% degli intervistati lo avrebbe attivato sul proprio conto corrente.

La sicurezza e la diffidenza degli italiani

Sarebbe il timore di essere preda di frodi e il rischio di muovere i propri soldi senza averne il controllo diretto, il motivo di un così grave ritardo nell’adozione di sistemi di pagamento digitali. Ma quello che emerge dall’indagine è che gli italiani non fanno nulla per tutelarsi e dunque sarebbero anche responsabili dei rischi corsi in rete. Perché sul fronte del tema sicurezza va ribadito, come riportiamo anche in “E-banking: in Italia stenta a decollare”, che già nel 2016 quasi un terzo delle banche ha aumentato di oltre il 5% le risorse economiche destinate a misure di sicurezza digitale per proteggere i gli utenti (dati ABI Lab, il centro di ricerca e innovaPagamenti: il digitale piace ma fa ancora paurazione per la Banca promosso dall’ABI).

Ma probabilmente la pigrizia da una parte e la scarsità di cultura specifica dall’altra, continuano a opporsi a un naturale sviluppo dei pagamenti digitali. A titolo di esempio, nel nostro Paese ancora il 61,6% di chi fa acquisti sul web usa una carta ricaricabile prepagata, mentre solo il 25% userebbe la carta di credito, il 20% una carta di debito e il 5% si servirebbe invece di carte di amici o parenti per acquistare online.

Dall'indagine di Friendz emerge infine che solo 4 persone su 10 di coloro che acquistano online è a conoscenza di come proteggersi da eventuali truffe, mentre un piccolissimo 0,9% è in possesso di un’assicurazione contro le truffe online.

Come risparmiare sicuramente

I conti online sono oggi uno strumento non solo sicuro, ma anche l’unico che consente di non incorrere nella serie di costi necessari per mantenere un conto. Sempre di più le banche digitali forniscono sistemi di sicurezza per accedere al conto e poter effettuare le operazioni, oltre a garantire spesso il rimborso delle somme eventualmente sottratte in maniera fraudolenta.

Su portale di comparazione ConfrontaConti.it è possibile prendere visione non solo delle offerte di conti più convenienti ogni giorno, ma anche ottenere un preventivo personalizzato secondo le proprie esigenze e abitudini di pagamento.

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
Pagamenti: il digitale piace ma fa ancora pauraValutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
Segnala via email Stampa
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato
 €
Durata deposito
 Mesi
Vincolo
Ricerca filiale
Si  
 No 
OTTIENI PREVENTIVO
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo medio
 Euro
Intensità utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito stipendio
 Sì   No 
Anno di nascita