Lotteria degli scontrini: cosa deve fare l'esercente | ConfrontaConti.it
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all' utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto “OK” il banner ne autorizzi l'uso.
Logo
Altri marchi del Gruppo
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI
feed rss confrontaconti

Lotteria degli scontrini: cosa deve fare l'esercente

05/01/2021
Lotteria degli scontrini: cosa deve fare l'esercente

Si respira aria di entusiasmo tra i consumatori in vista della lotteria nazionale degli scontrini, il nuovo concorso a premi gratuito collegato agli acquisti effettuati in modalità cashless. A prender parte all’iniziativa, posticipata di qualche settimana, possono essere tutti i cittadini maggiorenni e residenti in Italia che comprano beni e servizi con strumenti di pagamento elettronici, quali bancomat, carta di credito, carta di debito, per i quali viene rilasciato lo scontrino.

Ciascuno scontrino genera biglietti virtuali che permettono di partecipare alla lotteria: ogni euro speso dà diritto a un biglietto sino a un massimo di 1.000 biglietti per uno scontrino pari o maggiore a 1.000 euro. I consumatori non sono gli unici a partecipare alla lotteria degli scontrini. Alle estrazioni vi prendono parte, inoltre, gli esercenti, ovvero i negozianti che trasmettono in maniera telematica i corrispettivi. I biglietti vincenti per i consumatori determinano in automatico la vincita anche per il venditore.

I premi per i negozianti

Anche gli esercenti partecipano alle estrazioni della lotteria ‘cashless’ e per loro sono previsti i seguenti premi:

  • per le estrazioni settimanali, 15 premi da 5.000 euro ciascuno
  • per le estrazioni mensili, 10 premi da 20.000 euro ciascuno
  • per l’estrazione annuale, un premio da 1.000.000 di euro

Per verificare la vincita, l’esercente dovrà accedere all’area riservata del portale Lotteria degli scontrini. In ogni caso il negoziante che risulta vincitore riceve una comunicazione dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli, che lo individua sulla base del numero di partita Iva memorizzato nella banca dati del Sistema Lotteria.

Cosa deve fare l’esercente

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato una guida per informare gli esercenti sui tre passi da fare per partecipare e far partecipare alla lotteria. Il primo passo è verificare con il laboratorio, da cui è stato acquistato il registratore telematico, che il software di quest’ultimo sia aggiornato per poter memorizzare e trasmettere i dati della lotteria.

Il secondo step è consentire ai clienti di pagare con modalità elettronica. Il consiglio agli esercenti è di collegare il registratore telematico con il sistema di pagamento elettronico. Inoltre l’Agenzia delle Entrate suggerisce ai venditori di dotarsi di un lettore di codici a barre (barcode) per poter registrare in automatico e senza errori il codice lotteria che verrà mostrato dal cliente. In alternativa si userà il tastierino del registratore per digitare il codice.

Prima di emettere lo scontrino, l’esercente - al momento della registrazione dell’operazione sul registratore telematico (o sulla procedura web dell’Agenzia) - deve memorizzare anche il “codice lotteria” che il cliente mostra al momento dell’acquisto cashless di importo pari o superiore a 1 euro.

In che modo? Bisogna scansionare il codice lotteria con un lettore ottico collegato al registratore telematico (o digitarlo sul tastierino del registratore stesso), memorizzare i dati dell’operazione, accettare il pagamento con carta, bancomat o altro strumento elettronico di pagamento ed emettere il documento commerciale.

Sullo scontrino dovrà, dunque, essere riportato sia il codice lotteria del cliente sia l’evidenza dell’importo pagato in elettronico. Sarà poi il registratore di cassa, in automatico, a trasmettere i dati al sistema della lotteria, gestito dall’Agenzia delle entrate e dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli.

Gli acquisti, per i quali viene richiesto dal consumatore l’acquisizione del proprio codice fiscale al fine di usufruire di detrazioni o deduzioni fiscali, non possono partecipare alla lotteria degli scontrini. Parliamo di spese di prodotti sanitari in farmacia, acquisti in parafarmacia, ottici.

Procedura con documento commerciale online

Vediamo ora come funziona per gli operatori che usano la procedura web per la trasmissione dei corrispettivi invece che il registratore telematico. Tale procedura “documento commerciale online” è presente nel portale “Fatture e Corrispettivi” del sito dell’Agenzia delle Entrate. In questo caso, per consentire agli acquirenti di partecipare alla lotteria degli scontrini, bisogna inserire manualmente, nel momento in cui viene predisposto il documento commerciale, il codice lotteria mostrato dal cliente.

È chiaro che per eseguire la procedura web è necessaria una connessione di rete sempre attiva al momento della memorizzazione e generazione del documento commerciale e, quindi, al momento in cui si effettua l’operazione.

A cura di: Tiziana Casciaro

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
Lotteria degli scontrini: cosa deve fare l'esercenteValutazione: 3,5/5
(basata su 2 voti)
Segnala via email Stampa
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato (Euro)
Durata del deposito (Mesi)
Vincolo
Ricerca filiale
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo Medio (Euro)
Intensità di utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito Stipendio
Anno di nascita