Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Logo
Altri marchi del Gruppo
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI

730 non corretto: il Caf è responsabile

10/04/2015

errori nel 730

La compilazione del 730 attraverso un commercialista abilitato o un Caf consente di ottenere i rimborsi fiscali in busta paga. Ma cosa accade nel caso in cui si verifichi un mancato riconoscimento delle detrazioni a cui si ha diritto o l’Agenzia delle Entrate invii una sanzione a causa di un errore commesso nella compilazione dei documenti?

La nostra legge fiscale, si sa, non è semplice e soprattutto è in continuo divenire. Ma la circolare 122/E del 1999 prevede una precisa procedura in caso di 730 non corretto che parte da un unico presupposto: l’obbligo del Caf che presta assistenza fiscale è quello di compilare correttamente i moduli del modello di dichiarazione dei redditi e farlo apponendo un visto di conformità, vale a dire verificandone la correttezza punto per punto.

La legge infatti riconosce la responsabilità degli errori fattuali o di calcolo al soggetto che ha compilato i moduli. Nello specifico, il decreto ministeriale 31 maggio 1999, n. 164 obbliga i Caf a stipulare un’assicurazione a copertura di eventuali danni recati al contribuente, senza franchigie né riduzione di massimale, anche se le richieste di risarcimento sono avanzate dopo la scadenza del contratto con il Caf.

Nel caso in cui il contribuente riscontri un errore nella sua dichiarazione dei redditi, ha diritto di ottenere la rettifica della dichiarazione senza alcuna spesa. Non solo. In caso di errore derivante da una sua rettifica successiva alla compilazione da parte del Caf, l’utente potrà ancora rivalersi su quest’ultimo e chiedere comunque il risarcimento: la legge, infatti, non ammette che possa essere “indotto in errore”.

Ma quali sono le fattispecie di errore per cui è possibile rivalersi sul Caf? Sicuramente gli errori di conteggio e di calcolo, gli sbagli di compilazione, l’erronea attribuzione di detrazioni.

La procedura per la richiesta del risarcimento richiede la spedizione di una raccomandata con ricevuta di ritorno, sia all’Agenzia delle Entrate che al Caf, all’interno della quale il contribuente espone i fatti accaduti. In genere è opportuno rivolgersi a un’Associazione dei consumatori, previa iscrizione alla stessa: non necessario, ma consigliabile e da valutare anche in misura del risarcimento a cui si ha diritto, visto che la collaborazione di un’associazione richiede l’iscrizione annuale, che ha evidentemente un costo.

I tempi consentiti per chiedere risarcimento al fisco senza alcuna sanzione sono la data di presentazione della dichiarazione dell'anno successivo: altrimenti, il risarcimento andrà richiesto al Caf.

Il consiglio è di tenere traccia sempre dei documenti fiscali, almeno per i quattro anni successivi alla compilazione del 730 relativo a un determinato anno.

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
730 non corretto: il Caf è responsabileValutazione: 3,8/5
(basata su 4 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI
Al via i controlli del Risparmiometropubblicato il 13 febbraio 2018
Giacenza media: a cosa serve e come calcolarlapubblicato il 8 aprile 2017
Voluntary Disclosure, atto secondopubblicato il 23 febbraio 2016
ISEE e conto corrente, istruzioni per la dichiarazionepubblicato il 26 ottobre 2015
ISEE 2015, tutte le novitàpubblicato il 20 gennaio 2015
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato
 €
Durata deposito
Vincolo
Ricerca filiale
Si  
 No 
OTTIENI PREVENTIVO
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo medio
 Euro
Richiesta fido
    No 
Intensità utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito stipendio
 Sì   No 
Anno di nascita