Home banking: i conti si fanno online | ConfrontaConti.it
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all' utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto “OK” il banner ne autorizzi l'uso.
Logo
Altri marchi del Gruppo
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI
feed rss confrontaconti

Home banking: i conti si fanno online

30/07/2016

Home banking: i conti si fanno online

Lo sviluppo della digitalizzazione in Italia ha portato benefici in tutti i settori, incluso quello bancario. Strettamente legato all’informatizzazione è il fenomeno in grande crescita dell’home banking, di cui abbiamo già parlato nei mesi precedenti in relazione al risparmio di tempo notevole che ne deriva. Infatti il tutto è improntato sulla possibilità di far eseguire al cliente tutte le operazioni bancarie da casa, in questo modo l’utente evita di recarsi fisicamente allo sportello, semplificando e velocizzando l’esercizio delle proprie finanze.

Attraverso l’home banking il risparmiatore ha a disposizione il proprio istituto di credito per qualsiasi operazione, semplicemente via internet: si possono inviare bonifici, controllare e ricaricare le proprie carte prepagate o la PayPal, versare i tributi, pagare le bollette ed effettuare ricariche telefoniche. Inoltre alcuni intermediari offrono anche il servizio relativo ai mutui permettendo di controllare il capitale erogato, conoscere il debito residuo e scaricare la relativa documentazione. Ricordate che in tema di mutui, non si può non consultare MutuiOnline.it, il portale online di riferimento nel settore.

Grazie al web anche le banche hanno i loro benefici, riuscendo a economizzare sia nel settore amministrativo che in quello burocratico e ottenendo così un notevole risparmio.

Per aprire un conto home banking è richiesto al cliente l’invio di un modulo online. Come avviene per i conti tradizionali, anche quelli online sono regolamentati da un contratto che può comprendere o escludere determinati servizi. Il vantaggio è quello delle zero spese e dei bassi costi di apertura, oltre alla possibilità di gestire i soldi in totale sicurezza e di trasferirli quasi istantaneamente in qualsiasi ora o giorno.

Un elemento importante è quello di poter effettuare verifiche sul conto, controllando in ogni momento il saldo e le movimentazioni sia in entrata che in uscita. Grazie a queste operazioni in tempo reale si individuano tempestivamente frodi o ammanchi di denaro.

I dati dell’ABI parlano di una crescita a fine 2015 degli utenti dell’home banking, il 12,4% in più dell’anno precedente, attestandosi a 25,2 milioni contro i 22,4 milioni del 2014. Stessa cosa per le imprese che ricorrono ai servizi telematici, salite da 2,6 a 2,9 milioni (+12,3%).

L’evoluzione dell’Home Banking avviene anche grazie al crescente successo di smartphone e tablet. Sempre nel 2015 si è assistito al sorpasso delle connessioni mobili ai servizi bancari rispetto a quelle effettuate da PC, agevolate dalla creazione delle app che tutti gli intermediari rendono adoperabili dai sistemi operativi iOS e Android.

Secondo il rapporto annuale di ABI Lab, il Consorzio per la Ricerca e l’Innovazione per la banca promosso dall’Associazione Bancaria, il 64% degli utenti che utilizzano il canale mobile adopera il servizio da smartphone (2,9 milioni), mentre l’8,5% dal tablet (460 mila). In più, il 29% di coloro che si rivolgono all’home banking usufruisce sia del PC che dello smartphone, con un rialzo rispetto al 2014 del 22%.

L’home banking si sviluppa anche tra i risparmiatori meno giovani, tra i 55 e 74 anni, così come sottolineava una rilevazione del congresso Dimensione cliente. Il numero degli ultra 55enni che accedono ai servizi bancari online è sicuramente salito negli ultimi anni e la ragione è da attribuire all’arrivo di nuove generazioni in questa fascia d’età che hanno maggiore confidenza con il mondo digitale.

Per poter gestire i propri risparmi tramite home banking, è necessario possedere un conto corrente; per averne uno alle migliori condizioni di mercato, basta utilizzare ConfrontaConti.it, il portale che permette di trovare le migliori offerte grazie al confronto tra i principali istituti di credito.

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
Home banking: i conti si fanno onlineValutazione: 3/5
(basata su 2 voti)
Segnala via email Stampa
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato (Euro)
Durata del deposito (Mesi)
Vincolo
Ricerca filiale
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo Medio (Euro)
Intensità di utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito Stipendio
Anno di nascita