Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Logo
Altri marchi del Gruppo
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI

Stop ai prelievi di contanti oltre i 1.000 euro

26/11/2016

Dopo la rottamazione delle cartelle Equitalia in vigore dallo scorso ottobre, che ha introdotto la sanatoria delle cartelle con un risparmio significativo per i contribuenti in merito alle sanzioni e agli interessi di mora, è in attesa di approvazione dal Parlamento il decreto fiscale numero 193 del 2016 che adotta un’ulteriore misura per fronteggiare l’evasione fiscale: la soglia massima di contante che può essere prelevato allo sportello bancomat o dal proprio conto corrente. La norma stabilisce il limite nella somma di 1.000 euro cash in un giorno o 5.000 euro in un mese: chiunque lo superasse potrebbe incorrere in controlli fiscali molto rigidi, e se non riuscirà a giustificare l’impiego legale delle somme prelevate, rischierà pesanti sanzioni.

L’Agenzia delle Entrate eserciterà i suoi controlli incrociati e nei confronti di chi supererà i nuovi limiti potrebbe applicare una sanzione calcolando il prelievo eccedente come reddito imponibile nascosto, da sottoporre a tassazione.

In realtà un modo per non incorrere nelle sanzioni fiscali imposte dall’erario c’è, ed è quello di dimostrare come sono stati utilizzati i soldi, quindi il motivo del prelievo eccedente il limite consentito. Una buona norma sarà quella di conservare ogni scontrino, fattura o ricevuta che attesti le spese corrispondenti ai prelievi di denaro, se questi dovessero appunto riguardare una somma importante. In attesa che il provvedimento diventi legge, ci si dovrà abituare a una documentazione delle spese e alla tenuta di archivio dei giustificativi, l’unico modo possibile per arrivare preparati ad affrontare la nuova norma.

Una discriminante importante al prelievo di cash oltre la soglia consentita sarà la competenza della prova. In caso di prelievo eccedente i limiti stabiliti dalla legge, sarà esclusivamente il contribuente a dover dimostrare l’uso lecito di quelle somme e la buona fede, mentre la stessa prova non riguarderà il fisco.

Ma non è questa la sola discriminante ad accompagnare la nuova norma, perché ne esiste una ulteriore riguardante i soggetti coinvolti. All’osservazione della disposizione di legge saranno tenuti infatti indistintamente privati cittadini, commercianti e imprenditori, ma non i professionisti, che godono dell’approvazione di una sentenza – la numero 228 del 2014 – che li tutela dall’eventuale sanzione che trasforma i prelievi eccedenti in reddito illegale soggetto a imposta e sanzione. 

L’intento della nuova norma è evidentemente di ridurre sempre più l’uso del contante (che continua a regnare sovrano, nonostante stiano aumentando i pagamenti con carta), unico modo per contrastare il nero e l’evasione, incentivando il pagamento elettronico anche per importi molto ridotti. Nicola Cicala, economista di Adnkronos, commenta così la necessità: “in prospettiva sarebbe una pratica conveniente per le banche, per lo Stato e anche per gli esercenti, qualora il costo a loro carico della transazione fosse ridotto. Alle banche converrebbe perché aumentando i volumi dei pagamenti elettronici aumenterebbero i loro guadagni, riducendo i costi della gestione del contante. Quanto allo Stato si assicurerebbe maggiore trasparenza dei pagamenti”.

I conti correnti online, che prevedono le operazioni esclusivamente in rete o da mobile sono il volano migliore verso una società cashless, sistema già in vigore in Paesi come la Svezia e la Danimarca, mentre l’Australia è sulla strada per diventarlo. Scegliere il prodotto migliore comporta una semplice ricerca su ConfrontaConti.it, il portale che mette a confronto i principali istituti di credito del nostro Paese.

Se ipotizziamo la richiesta di un utente di 31 anni con saldo medio attivo di 5.000 euro, frequenza di utilizzo media, accredito di stipendio o pensione, il 25 novembre il conto più conveniente con gestione solo online è quello di BancadinAmica. Gli Interessi netti sono di 37,00 euro al Tasso lordo dell’1,00% e con costi di gestione, bollo, canone e delle operazioni pari a zero. In più, le operazioni di prelievo con Bancomat/VPay sono gratuite in tutta Europa.

La seconda soluzione più conveniente è quella offerta da Webank che garantisce Interessi netti per 2,22 euro e costi pari a zero. Il Tasso lordo è qui dello 0,10% ed entro il 31/12/2016 per chi accredita lo stipendio o la pensione, oppure apre una linea vincolata a 12 mesi senza facoltà di svincolo anticipato con almeno 1.000 euro ci sono in regalo 120 euro di buoni carburante TotalErg.

A cura di: Paola Campanelli

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
Stop ai prelievi di contanti oltre i 1.000 euroValutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
Segnala via email Stampa
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato
 €
Durata deposito
Vincolo
Ricerca filiale
Si  
 No 
OTTIENI PREVENTIVO
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo medio
 Euro
Richiesta fido
    No 
Intensità utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito stipendio
 Sì   No 
Anno di nascita