Conti correnti: più liquidi e più internet per gli italiani | ConfrontaConti.it
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione o chiudendo il banner ne autorizzi l'uso.
Logo
Altri marchi del Gruppo
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI
feed rss confrontaconti

Conti correnti: più liquidi e più internet per gli italiani

27/05/2019

Conti correnti: più liquidi e più internet per gli italianiSempre più liquidi a disposizione dei cittadini italiani, i quali fanno ricorso sempre di più a internet per le loro operazioni bancarie. E, ancora una volta, sono dalle regioni del Nord del Paese che arrivano le maggiori richieste di apertura dei conti correnti.

È questa, in estrema sintesi, la fotografia del mercato scattata dal più recente Osservatorio ConfrontaConti.it del Gruppo MutuiOnline.it.

Dalla ricerca – effettuata su base semestrale – emerge che a tutto aprile di quest’anno il canale privilegiato dai risparmiatori per aprire conti correnti è sempre di più il web. Perché più conveniente, più rapido e diretto, più riservato. La quota di chi ha utilizzato la rete è infatti salita al nuovo record del 68% del totale, in ulteriore aumento dal 66% registrato nel secondo semestre del 2018.

Per avere una migliore visione del percorso – dal punto di vista telematico - che hanno fatto i risparmiatori italiani è sufficiente guardare la statistica del 2010, quando nel secondo semestre di quell’anno chi utilizzava i computer (oggi anche cellulari) per interfacciarsi con gli istituti di credito erano appena il 28%.

In nove anni dimezzati i correntisti divisi tra filiale e web

Senza contare il confronto che questi dati hanno rispetto alle quote delle operazioni fatte dai risparmiatori solo tramite filiale (in calo al 5,7% dal 6,1% nel secondo semestre del 2018) e con quelle di chi usa a volta lo sportello e a volte la rete (26,3%contro 27,9%). 

Ed è probabilmente da quest’ultima fascia che il web sta erodendo i correntisti, indicata in costante discesa dal primo semestre del 2013, quando stazionava sopra il 50%. Si sta assottigliando anche la quota dei correntisti che vanno esclusivamente allo sportello (oggi al 5,7% contro il 6,1% della seconda metà del 2018 e il 20% del 2010). 

Le incertezze spingono al nuovo record il saldo attivo

Nel frattempo i risparmiatori italiani hanno continuato a mantenere sempre più liquidità nei loro conti correnti. Il panorama internazionale tutt’altro che tranquillo, con la guerra dei dazi Usa-Cina e l’incognita Brexit, e l’incertezza sulla situazione economica interna stanno spingendo infatti gli italiani a essere più parsimoniosi.

Nel primo quadrimestre di quest’anno il saldo attivo dei conti correnti ha aggiornato il nuovo massimo assoluto a 16.032 euro, segnando un balzo significativo dai 14.189 del secondo semestre del 2018. Il saldo segna così il quinto aumento consecutivo, dal minimo di periodo (11.189 euro) del secondo semestre del 2016. 

Nel dettaglio, la quota dei conti con un saldo superiore ai 10mila euro nel primo quadrimestre ha consolidato la primaposizione collocandosi al 36,3% del totale (dal 33,3% del secondo semestre 2018), anche se in lieve assestamento dal 36,7% segnato nel periodo gennaio-marzo.

In ascesa anche il trend dei conti il cui saldo è compreso tra 5.001 e 10mila euro, al 20,3% dei rapporti bancari (19,5% nell’ultima frazione del 2018). Segno negativo invece per i conti correnti con saldi più bassi: al 17,3% quelli inferiori a mille euro (18,8%), all’11,5% quelli fino a 3mila euro (13%) e al 14,6% quelli compresi tra 3mila e 5mila (15,4%). 

A Nord sempre più conti correnti

La tabella che prende in esame la richiesta di conti correnti per area geografica sostanzialmente non cambia di molto, anche se quella che arriva fino ad aprile è caratterizzata dal nuovo record storico (da quando è disponibile questa serie di ricerche) da quelli arrivate nel Nord: passate al 73,1% del totale dal 70,7% segnato nel secondo semestre del 2018.

Contestualmente sono diminuiti i flussi del Centro (al 12,2% dal 13,2%) e del Sud e Isole (al 14,7% dal 16,1%). Poco mosso anche il quadro dell’analisi per età, che conferma che la maggioranza di richieste di conti correnti sono arrivate dai risparmiatori compresi nella fascia 26-40 anni (al 46,2% dal 46,8%), seguiti da quelli della fascia 41-55 anni (al 30,7% dal 29,4%). Più indietro le richieste arrivate dai giovani di 18-25 anni (al 7,5% dal 10,5%) e dagli oltre 55 anni (al 15,7% dal 13,3%). 

Timido spunto per l’operatività

Trend positivo per quanto riguarda l’operatività allo sportello, il cui tasso è aumentato leggermente rispetto alla pigrizia che ha fin qui caratterizzato il comportamento degli italiani. Se si considera come alta operatività un totale di 150 operazioni l’anno, l’indicatore segna 22,1%, che si confronta con il 21,5% registrato nel secondo semestre del 2018. 

La media operatività (60 operazioni annue) rappresenta sempre la maggioranza dei correntisti con il 56% (53,6% nella seconda parte dello scorso anno).

La bassa operatività (20 operazioni l’anno tra versamenti, prelievi e pagamenti) è scesa invece al 22% dal 24,8%. 

Chi intende aprire un conto corrente in modo rapido e informato può consultare ConfrontaConti.it, portale che permette la comparazione delle offerte più convenienti degli istituti di credito e ottenere un prospetto su misura.

A cura di: Fernando Mancini

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI
I migliori conti correnti di settembre 2019pubblicato il 6 settembre 2019
I migliori conti correnti di agosto 2019pubblicato il 29 agosto 2019
I migliori conti deposito di luglio 2019pubblicato il 27 luglio 2019
I migliori conti correnti di luglio 2019pubblicato il 11 luglio 2019
Conti deposito: recuperano l’inflazione e premiano più dei Botpubblicato il 5 giugno 2019
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato (Euro)
Durata del deposito (Mesi)
Vincolo
Ricerca filiale
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo Medio (Euro)
Intensità di utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito Stipendio
Anno di nascita