Conti correnti, record di richieste al Nord | ConfrontaConti.it
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per conoscere la nostra policy e/o negare il consenso all' utilizzo dei cookie di terze parti clicca qui.
Continuando la navigazione o cliccando sul tasto “OK” il banner ne autorizzi l'uso.
Logo
Altri marchi del Gruppo
CONTI DEPOSITO CONTI CORRENTI FONDI E SICAV FONDI PENSIONE OFFERTE E NOVITÀ GUIDE E STRUMENTI
feed rss confrontaconti

Conti correnti, record di richieste al Nord

15/03/2021

Sempre più italiani si affidano al conto corrente per gestire il proprio denaro e i risparmi. Le richieste risultano in aumento soprattutto nelle regioni del Nord Italia, dove nei mesi di gennaio e febbraio 2021 è stato tagliato un traguardo: la percentuale è salita al 75,6%, mentre nel secondo semestre del 2020 era pari al 70,9%. Le richieste di conti correnti in Italia Settentrionale nel primo semestre del 2020 si attestavano, invece, al 69,3%.

E se al Nord le richieste aumentano, non si può dire lo stesso per le regioni del Centro Italia e del Sud, dove la percentuale è rispettivamente del 13,5% e del 10,9%. Nel secondo semestre del 2020 le richieste di conti al Sud e sulle isole era del 13,8%, mentre nel Centro Italia era pari al 15,4%. È questa la fotografia scattata dall’ultimo Osservatorio ConfrontaConti.it che ha esaminato i primi due mesi del nuovo anno.

Dallo studio emerge poi un aumento dei conti con giacenza superiore ai 10mila euro, che arrivano a una percentuale pari al 41,1%. Il dato è in aumento rispetto al secondo semestre del 2020, quando era del 38,5%.

Scendono i conti con giacenza dai 5.000 ai 10.000 euro: si è passati dal 20,4% del secondo semestre del 2020 al 19,5% attuale. Lieve calo per i conti con giacenza compresa tra i 3.001 e i 5.000 euro: si è passati dal 16,8% al 16,6%.

Con il segno meno, inoltre, i conti con giacenza pari o inferiore ai 1.000 euro: la percentuale si assesta al 12,9%, mentre nel secondo semestre del 2020 era pari al 14,2%. Giù, infine, i conti con giacenza compresa tra i 1.001 e i 3.000 euro: la percentuale attuale è pari al 9,9%, mentre nel secondo semestre dello scorso anno era pari al 10,1%. Cresce il valore dei saldi medi: si è passati a 18.614 euro dai 17.162 del secondo semestre del 2020.

Boom di richieste per gli over 55

Aumentano sempre più le richieste di conti correnti da parte degli over 55. Sono soprattutto le persone più mature a scegliere, infatti, questo prodotto bancario per custodire risparmi ed effettuare prelievi, pagamenti e versamenti. Nei primi due mesi dell’anno le richieste di conti da parte di coloro che hanno più di 55 anni rappresentano il 20,5% del totale, rispetto al 18,6% del secondo semestre del 2020.

A dominare la classifica restano coloro che hanno un’età compresa tra i 26 e i 40 anni: a ricorrere a un conto corrente è il 41,8% del campione rilevato. In aumento le richieste di conti da parte di coloro che hanno tra i 41 e i 55 anni. Discorso opposto per coloro che hanno, invece, tra i 18 e i 25 anni: a ricorrere a questo strumento, secondo l’Osservatorio redatto a marzo, è solo il 6,4% del campione rilevato. Nel secondo semestre del 2020 la percentuale era pari all’8,1%.

I conti online convincono di più

Sono i conti correnti online quelli più gettonati. Gli italiani preferiscono l’operatività virtuale rispetto alle banche fisiche. Si fa ricorso ai conti correnti online nel 63,5% dei casi nei primi due mesi dell’anno, mentre si opta per l’online e anche per la filiale nel 31,7% dei casi (nel secondo semestre del 2020 la percentuale era pari al 31,1%). Ci si reca solamente in filiale nel 4,8% dei casi. La percentuale è sempre più in calo rispetto agli anni precedenti. Nel primo semestre del 2020 ci si recava solo in filiale nel 6,9% dei casi e nel secondo semestre nel 5,4% delle volte.

L’operatività è medio-alta

Anche nel primo bimestre del 2021 l’operatività resta medio-alta. Il 56,2% (nel secondo semestre del 2020 era 57,5%) presenta un’operatività media con un totale di 60 operazioni l’anno tra versamenti di denaro, prelievi e pagamenti. Il 23,4% (nel secondo semestre del 2020 era 21,6%) dispone di un’operatività alta, ossia sceglie di optare per 150 operazioni l’anno tra versamenti di denaro, prelievi e pagamenti.

Il 20,4% sceglie di disporre di un’operatività bassa, ossia effettua un totale di 20 operazioni l’anno tra versamenti di denaro, prelievi e pagamenti. Nel secondo semestre del 2020 la percentuale si attestava al 20,9%. Corri su ConfrontaConti.it per effettuare un preventivo conto corrente gratuito e personalizzato e scegliere il prodotto più adatto alle tue esigenze.


A cura di: Maria Cristina Pintor

Confronta i conti e risparmia

Trova subito il conto migliore per te   >>
Come valuti questa notizia?
Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI
Perché paghiamo l’imposta di bollo sui conti correnti?pubblicato il 9 aprile 2021
I conti correnti più popolari per una giovane coppiapubblicato il 17 marzo 2021
I migliori conti correnti di marzo 2021pubblicato il 11 marzo 2021
I migliori conti correnti zero spese di gennaiopubblicato il 22 gennaio 2021
I migliori conti correnti per giovanipubblicato il 20 novembre 2020
RICERCA CONTO DEPOSITO
Importo depositato (Euro)
Durata del deposito (Mesi)
Vincolo
Ricerca filiale
RICERCA CONTO CORRENTE
Saldo Medio (Euro)
Intensità di utilizzo
Canale di utilizzo
Accredito Stipendio
Anno di nascita