logo confrontaconti.it

Crescono i tentativi di frode sui conti, ma calano gli importi

In parallelo con la crescita degli utenti online, aumenta il numero degli attacchi informatici finalizzati a carpire informazioni personali. Di positivo c'è che sono sempre meno quelli che vanno a segno grazie all'acquisita consapevolezza da parte degli utenti e alle difese dei sistemi bancari.

12/06/2023
scritta frode con lente di ingrandimento sopra
Frodi bancarie

La notizia negativa è che i tentativi di frode sono sempre più frequenti, e del resto non poteva essere diversamente data la diffusione crescente dei dispositivi tecnologici. Quella positiva è che sia l’attenzione dei consumatori, sia le protezioni messe a punto dagli istituti si sono via via innalzate e sono pochi i tentativi che vanno a segno, per importi mediamente inferiori rispetto al passato.

Si dimezza la quota degli importi truffati

Secondo le rilevazioni del Certfin, consorzio costituito da alcuni soggetti pubblici e altri privati nato per innalzare la cyber resilience del sistema finanziario italiano, nel corso del 2022 i tentativi di frode perpetrati a danno della clientela retail sono cresciuti nell’ordine del 35% rispetto a un anno prima, ma al contempo si è ridotta la quota di frodi effettive sul totale delle transazioni anomale (il 6%). Ancor più è calato il controvalore, nell’ordine del 50% da un anno all’altro.

Spulciando l’indagine, emerge che la fascia di età più colpita dalle truffe (30%) si posiziona tra i 45 e i 60 anni, seguita (27%) dalla fascia 30-45. Gli under 30 sono, invece, quelli meno esposti, complici le diffuse conoscenze digitali dei più giovani.

Ecco quali sono i canali più diffusi per le truffe

Nel retail il canale di contatto principale per i tentativi di truffa è quello degli Sms alias (35%), forma di messaggio legale che utilizza codici alfanumerici per identificare il mittente. Sarà capitato a molti di ricevere un messaggino a prima vista proveniente da un’azienda o da un ente dato che il nome del mittente è specificato in modo chiaro e facilmente leggibile, anche se il suo numero non è salvato in rubrica. A consentirlo è l’utilizzo dei cosiddetti alias. A questo proposito va detto che si tratta di una pratica di per sé legittima, ma che spesso è sfruttata anche dai cybercriminali per tendere trappole e attuare truffe. Per questa ragione, nelle scorse settimane l’Agcom (l’Autorità del settore telecomunicazione) ha approvato un regolamento in virtù del quale l’impiego degli alias sarà normato e consentito esclusivamente a coloro che entreranno a far parte di un registro creato appositamente. A gestire il processo di iscrizione saranno fornitori autorizzati, chiamati a verificare l’identità dei richiedenti. Con la finalità di evitare abusi, sarà impossibile ottenerne uno che richiami da vicino il nome di un’azienda differente dalla propria o di un’istituzione, ad esempio sostituendo una lettera con un’altra, con una cifra o con un simbolo graficamente simili, solo per trarre in inganno i destinatari.

Trova il conto corrente che fa per te Fai subito un preventivo

Occhio all’inganno che corre sul filo del telefono

Tornando allo studio di Certfin, il secondo canale più utilizzato (27%) è lo spoofing telefonico, attraverso il quale chi chiama modifica il numero che appare al destinatario fingendo di essere un istituto bancario, un ente di beneficenza o per propinare falsi premi e concorsi al solo scopo di spingere gli interlocutori a trasferire denaro o comunicare i dati personali. Il caso più frequente è quello della chiamata telefonica di un finto operatore di banca, il quale persuade la vittima a fornire i codici dispositivi del proprio rapporto finanziario oppure ad accedere al proprio conto online mediante un link web artefatto.

Difese più efficaci da parte degli operatori di settore

Non solo i consumatori si fanno sempre più attenti, ma anche le difese messe a punto dagli operatori diventano più difficili da scalare. La maggior parte delle realtà analizzate dallo studio Certfin ha indicato per il 2023 un aumento o una stabilità della spesa destinata sia alla sicurezza dei canali remoti, sia al rafforzamento dei sistemi di monitoraggio e protezione interni a ciascuna banca.

Le banche che hanno preso parte alla ricerca, sottolineano gli analisti, sono state fortemente impegnate in iniziative di sensibilizzazione indirizzate alla clientela retail, con il 96% che ha affrontato nel corso del 2022 il tema dell’utilizzo sicuro degli strumenti di pagamento e della gestione sicura dell’identità.

A cura di: Luigi dell'Olio

Come valuti questa pagina?

Valutazione media: 0 su 5 (basata su 0 voti)

Articoli correlati