logo confrontaconti.it

Truffa sul conto corrente: il cliente viene risarcito?

Aumentano i casi di frode creditizia in Italia. Nel corso del 2023 è stata registrata una crescita delle truffe che riguardano le carte di credito. Ma si ha diritto al rimborso solo se il correntista, in maniera del tutto inconsapevole, è vittima di un accesso abusivo e fraudolento sul suo conto.

11/03/2024
ragazza disperata vittima di una truffa
Frodi creditizie

Oltre 17.100 frodi creditizie nel primo semestre 2023. Il danno stimato ammonta a 83 milioni di euro. Sono questi i numeri allarmanti dell’Osservatorio Crif-Mister Credit sui furti di identità e le frodi creditizie in Italia. Il numero dei casi sale rispetto al primo semestre dell’anno precedente (+10,8%). E a crescere è anche l’importo medio delle frodi: 4.845 euro, in crescita del +3,1% rispetto al 2022.

Nel corso del 2023 sono aumentati i casi di truffa che riguardano le carte di credito (+22,1%) ed è emersa una nuova frode relativa invece alla dilazione di pagamento per l’acquisto di beni o servizi. Tra gli interrogativi più diffusi, tra i malcapitati, c’è se si possa richiedere il risarcimento all'istituto bancario se un correntista viene truffato. A fare chiarezza è la Corte di Cassazione che, con ordinanza del 13 marzo 2023 numero 7214, ha respinto la domanda di risarcimento presentata da due correntisti. Secondo i giudici della Suprema Corte, infatti, se la truffa è causata dall’atteggiamento imprudente e negligente dei danneggiati, non si ha diritto al rimborso. La richiesta di risarcimento danni alla banca non è infatti legittima in tali circostanze. Si ha invece diritto al rimborso se il correntista, in maniera del tutto inconsapevole, è vittima di un accesso abusivo e fraudolento sul suo conto corrente o se i prelievi illegali sono causati da un cattivo sistema di sicurezza della banca.

Trova il conto corrente più adatto a te Fai subito un preventivo

Frodi creditizie: l'identikit delle vittime

Sono in particolare gli under 30 la fascia di età più colpita. I giovani sono coinvolti in quasi un caso di frode su quattro. Seguono coloro che appartengono alla fascia di età compresa tra 41 e 50 anni e quelli tra i 31 e i 40 anni. In particolare, nel 2023, si registra in aumento di truffe anche tra coloro che hanno tra i 51 e i 60 anni. Le vittime delle frodi creditizie sono residenti principalmente in Lombardia, Campania e Sicilia. Seguono Lazio, Puglia e Piemonte. I dati svelano che il maggior incremento registrato nel 2023, rispetto al 2022, riguarda il Trentino- Alto Adige (+57,3%). Il Piemonte mette a segno un aumento dei casi del +33,1%; in crescita anche le frodi in Friuli-Venezia Giulia (+30,1%) e Umbria (+26,8%), mentre calano i casi in Puglia (-19,2%) e Molise (-33,8%).

Come comportarsi in caso di truffa?

L’ABI (Associazione Bancaria italiana) ha pubblicato dei vademecum per contrastare i crimini informatici e le truffe e al contempo accrescere la sicurezza degli utenti. In caso di truffa, i consigli da seguire sono tre, a seconda dei casi: sporgere denuncia alle forze dell’ordine, rinnegando le operazioni finanziarie che sono state illegittimamente effettuate sul proprio conto; in caso di frodi su carte di pagamento, va bloccata all'istante la propria carta, contattando il servizio clienti della propria banca o emittente; inviare una raccomandata alla propria banca, illustrando i fatti e allegando sempre copia della querela sporta alle Autorità e di un documento di identità.

L’ABI raccomanda ai correntisti di monitorare con una certa periodicità i movimenti sul proprio conto corrente e conservare i codici di accesso ai servizi bancari con cura, così come i codici di sicurezza delle carte di pagamento. È sempre preferibile optare per l’accredito della pensione sul conto e per la domiciliazione delle utenze per non esporsi a rischi, recandosi continuamente in filiale. Nel vademecum dell’ABI è consigliato, infatti, di non essere abitudinari e dunque di evitare di andare in banca sempre allo stesso giorno o orario o facendo sempre lo stesso percorso. Inoltre, per chi opera online è opportuno usare password diverse e abbastanza lunghe, caratterizzate da caratteri alfanumerici e caratteri speciali.

I migliori conti correnti dei partner:

Simulazione con saldo medio attivo sul conto di € 5.000,00 con accredito di stipendio o pensione, canale di utilizzo online, frequenza di utilizzo media.
Logo ING
ING Conto Corrente Arancio
Canone annuo Gratuito
Scopri offerta
Logo FinecoBank
FinecoBank Conto Fineco
Canone annuo Gratuito
Scopri offerta
Logo BBVA
BBVA Conto Corrente BBVA
Canone annuo Gratuito
Scopri offerta
Logo Western Union
Western Union Conto Standard
Canone annuo Gratuito
Scopri offerta
Logo Banca Widiba
Banca Widiba Conto Corrente Widiba
Canone annuo Gratuito
Scopri offerta
A cura di: Tiziana Casciaro

Come valuti questa pagina?

Valutazione media: 5 su 5 (basata su 2 voti)

Articoli correlati