logo confrontaconti.it

Conto corrente senza imposta di bollo: quali banche a gennaio 2023

Avere un conto corrente privo di costi fissi vuol dire per il cliente non dover affrontare spese per l'imposta di bollo che sarà, infatti, sempre gratuita. Ecco allora alcune banche che propongono un conto corrente senza imposta di bollo a gennaio 2023.

25/01/2023
ragazza felice con pc
Conto corrente senza imposta di bollo

conti correnti prevedono dei costi in quanto le banche garantiscono dei servizi all’utenza a cui si rivolgono. Le spese cambiano a seconda dell’istituto di riferimento. Ma generalmente i costi da affrontare, quando si è titolare di un conto, sono caratterizzati da una parte fissa e da una variabile. I costi fissi non sono legati alla frequenza e al tipo di uso che si fa del conto. Tra questi vi sono:

  • il canone annuo del conto,
  • l’imposta di bollo,
  • le spese per l’invio di comunicazioni.

I costi variabili dipendono, invece, sia dalla banca che dal tipo di utilizzo del conto (commissioni per servizi, spese di liquidazione periodica).

L’imposta di bollo applicata a un conto corrente ha un costo di 34,20 euro per le persone fisiche. Quando una persona è titolare di più conti, l’imposta va pagata per ogni rapporto. Non mancano, però, delle eccezioni.

Trova il conto corrente che fa per te Fai subito un preventivo

È il caso di BBVA con Conto Corrente BBVA con canone annuo e imposta di bollo a zero spese. Chi sceglie questo prodotto può contare sul Cashback 10% BBVA con cui il primo mese si recupera fino a 50 euro sugli acquisti in modo automatico. Inoltre con il Cashback 1% BBVA si guadagna fino a 30 euro in un anno. Il conto corrente proposto dalla banca online non presenta commissioni, né spese nascoste. La carta di debito fisica e digitale è inclusa. Gratuiti anche i servizi di daily banking e le ricariche dal conto corrente.

Anche con Conto Corrente Arancio di ING l'imposta di bollo è gratuita. Inoltre se si attiva o si diventa clienti ING entro il prossimo 31 marzo, per i primi tre mesi dalla data di attivazione, si ottiene il 3% annuo lordo di interesse sulle somme depositate fino a un massimo di 100.000 euro. Conto Corrente Arancio, a zero spese, può essere intestato ad una o a due persone; i clienti possono consultare e fare operazioni dall'App ING o direttamente sul sito della banca. Inoltre hanno a disposizione il servizio clienti telefonico o via chat e WhatsApp. I prelievi sono gratuiti in tutti gli sportelli automatici in Italia e in Europa.

Stesso discorso per Banca Sistema con SI CONTO! Corrente. Anche in questo caso canone e imposta di bollo sono gratuiti. I clienti non hanno vincoli temporali di accredito stipendio o altro e possono contare sull'1,5% di rendimento lordo sulle somme in giacenza. Chi sceglie questo strumento di risparmio, può gestire il denaro in autonomia h24, effettuare bonifici, domiciliare utenze domestiche, pagare bollettini ed effettuare prelievi. Il conto corrente può essere aperto sia online che in filiale. Illimitate le operazioni che si possono effettuare; gratuiti sia i bonifici che i prelievi con carta di debito presso tutti gli ATM sul territorio nazionale ed area Euro.

Imposta di bollo gratuita anche per Conto Fineco di Fineco Bank. Anche in questo caso il canone annuo e la carta di debito sono a zero spese. Il punto di forza di questo prodotto sta nel fatto che si tratti di un conto multi-currency: è possibile diversificare liquidità e investimenti senza commissioni di cambio, solo spread. I clienti possono versare contanti e assegni senza costi e H24 in tutti gli sportelli evoluti UniCredit. I bonifici sono gratuiti e illimitati in Italia e in 20 valute diverse e verso 250 Paesi se esteri. Con Fineco è possibile anche investire e contare su un consulente personale che ascolti le tue esigenze e crei un piano di investimento. Le condizioni per investire sono più vantaggiose se si ha meno di 30 anni. Le azioni in Italia sono pari a 2,95 euro per ordine.

A cura di: Tiziana Casciaro

Articoli correlati